Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1414
SCICLI - 05/01/2015
Cronache - Non si arresta l’ondata di violenza

Famiglia rapinata e aggredita in casa a Scicli

Il capofamiglia colpito con un pugno in faccia ha dovuto far ricorso alle cure dei medici del pronto soccorso per una prognosi di una settimana Foto Corrierediragusa.it

Non si arresta l’ondata di terrore scatenata dalla banda di malviventi che picchia e rapina le vittime di turno direttamente in casa loro. Dopo Ispica e Modica, i rapinatori si sono concentrati nello Sciclitano, dove hanno colpito per ben tre volte in pochi giorni. L’ultima domenica sera, quando in quattro hanno rapinato una famiglia a Scicli, in contrada Fallì, dopo averne atteso il rientro a casa. I quattro malviventi hanno assalito marito, moglie e due figli che stavano rientrando in casa dopo una domenica trascorsa fuori. Erano da poco passate le 20 quando si è verificata l’aggressione. Il capofamiglia ha opposto resistenza ai malviventi che lo hanno colpito con un pugno al volto. Entrata in casa la banda ha fatto razzia di denaro, circa 300 euro, e di gioielli. Sono intervenuti i carabinieri che hanno eseguito dei rilievi per il Ris di Messina. Dalle testimonianze degli spaventati componenti del nucleo familiare è stato ricavato ben poco: si trattava di individui di giovane età, di nazionalità italiana, con il volto coperto da cappucci e bavero del giubbotto. Solo uno dei quattro aveva il volto scoperto e appariva piuttosto magro. Pare che uno dei malviventi fosse in possesso di un taglierino. E’ stata dunque sporta denuncia contro ignoti.

L’uomo colpito con un pugno in faccia ha dovuto far ricorso alle cure dei medici del pronto soccorso per una prognosi di una settimana. E’ da circa un mese, come accennato, che si verificano simili episodi di violenza in buona parte del comprensorio modicano, senza che si sia ancora addivenuti al bandolo della matassa.


05/01/2015 | 12.54.54
gianni

e state certi che, se anche li prendono, in galera non ci andranno...