Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 746
SCICLI - 31/12/2014
Cronache - La donna si è svegliata nella sua stanza del bed & breakfast in un lago di sangue

Vacanze di Natale con stupro a Scicli

La donna, una volta fatto rientro a Massa, ha accusato dolori e disturbi al punto da doversi recare al pronto soccorso, da dove è partita la chiamata ai carabinieri Foto Corrierediragusa.it

Da Massa Carrara a Scicli per le vacanze natalizie che resteranno impresse nella memoria di una donna a causa dei risvolti drammatici culminati in un presunto stupro. E’ quanto denunciato ai carabinieri di Massa da una ragazza di 31 anni, dopo il rientro a casa dalla Sicilia, dove sarebbe stata violentata da due individui nella notte tra Natale e Santo Stefano. Un fatto agghiacciante di cui però la giovane donna non ricorda i dettagli e nemmeno l’identità dei presunti stupratori. «Mi hanno violentata in un bed and breakfast di Scicli. Non ricordo nulla di quegli attimi drammatici. So solo che due ragazzi mi hanno riaccompagnato in camera dopo una nottata trascorsa a ballare e bere in una discoteca fuori paese. Poi il blackout. Mi sono risvegliata in un lago di sangue nel letto della mia camera del bed and breakfast di Scicli con le coperte intrise di sangue. Mi sono fatta una doccia e me ne sono andata. Ero come stordita». Queste le confuse dichiarazioni rilasciate dalla presunta vittima ai militari di Massa, che hanno informato dei fatti i loro colleghi di Ragusa, come riportato dalla collega Alessandra Vivoli de Il Tirreno.

Una storia delicata e ancora tutta da chiarire su cui stanno indagando i militari del comando provinciale e della tenenza di Scicli. La donna era stata ricoverata lunedì sera al pronto soccorso di Massa Carrara. Sarebbe stata proprio la 31enne arrivata all’ospedale nel pomeriggio del 29 dicembre a rivelare di essere stata oggetto di violenza sessuale mentre si trovava ubriaca in un bed and breakfast a Scicli. Ai carabinieri, come accennato, la donna avrebbe raccontato di essere stata accompagnata dalla discoteca all’alloggio da due persone, di cui non ricorda nulla, nemmeno i nomi. La mattina seguente, sempre secondo il racconto fatto dalla donna ai carabinieri, si sarebbe svegliata in camera in un lago di sangue. Un brusco risveglio che per la 31enne avrebbe poi riservato anche delle conseguenze a livello fisico, oltre che psicologico.

La donna, infatti, una volta fatto rientro a Massa, ha accusato dolori e disturbi al punto da doversi recare al pronto soccorso, da dove è partita la chiamata ai carabinieri che si sono presentati direttamente in ospedale per raccogliere il racconto della donna, che, stando alle prime indagini, non sarebbe stato confermato dal referto medico che escluderebbe segni evidenti di violenza sessuale.