Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1370
SCICLI - 20/06/2014
Cronache - La decisione del sindaco Franco Susino

Infiltrazioni mafiose al comune di Scicli?

Secondo Susino "Il sodalizio criminale e mafioso, così come appare contestato agli indagati, ha operato nel territorio della Città di Scicli con grave nocumento alla civile convivenza ed allo svolgersi ordinato e legale delle attività economiche e degli stessi servizi pubblici" Foto Corrierediragusa.it

«Gli arresti disposti dal gip di Catania su richiesta della procura distrettuale antimafia etnea per reati di criminalità organizzata di tipo mafioso ed eseguiti nei giorni scorsi ha turbato la comunità locale e ha messo in evidenza ancora una volta il grave e drammatico problema della penetrazione della malavita organizzata nel tessuto economico e sociale della Città di Scicli". Parole del sindaco di Scicli Franco Susino (foto), secondo cui "L´interesse precipuo de comune di Scicli, in proprio e quale ente esponenziale della comunità insediata nel suo territorio, di intervenire quale parte offesa dal reato e di costituirsi quindi parte civile nel futuro processo. A tale scopo - dice il sindaco - sono stati presi contatti con un legale professionista con comprovata esperienza nell´ambito penalistico perché possa assistere e rappresentare il Comune Scicli nell´intervento quale persona offesa dal reato nel procedimento penale relativo ai fatti suddetti. Nei prossimi giorni verrà formalizzato l´incarico nei modi e nelle forme di legge".

Secondo Susino "Il sodalizio criminale e mafioso, così come appare contestato agli indagati, ha operato nel territorio della Città di Scicli con grave nocumento alla civile convivenza ed allo svolgersi ordinato e legale delle attività economiche e degli stessi servizi pubblici".