Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 775
SCICLI - 07/10/2007
Cronache - Scicli - La lunga sequela di viaggi della speranza

Sbarchi senza fine
Ieri sono giunti in 56

Tre episodi in poco più di 72 ore. Resta in carcere il basista Foto Corrierediragusa.it

Un consistente gruppo di immigrati è sbarcato ieri a Pozzallo, dopo il gruppo di 19 di venerdì. Si tratta di 56 sonali, 14 dei quali donne, e un neonato, condotto al "Maggiore" di Modica per accertamenti. Stanno tutti bene e pare che tra loro non vi siano scafisti. I 56 sono sbarcati in due gruppi su altrettante imbarcazioni, prima d´essere intercettati dalla motovedetta della capitaneria di porto. Intanto resta in carcere Taoufik Satouri, il tunisino arrestato dai carabinieri della compagnia di Modica e dagli agenti della guardia di Finanza per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

L’uomo era stato fermato nottetempo nei pressi della spiaggia di Cava D’Aliga dagli uomini della capitaneria di Pozzallo e successivamente bloccato da Carabinieri e Fiamme Gialle dopo un breve inseguimento. La perquisizione e la identificazione del cittadino tunisino aveva consentito di appurare che Taoufik Saturi vive a Malta con la famiglia ed è in possesso di regolare permesso di lavoro; la sua qualifica è di guida turistica.

Nelle tasche l’uomo aveva mille 700 euro di cui non aveva saputo fornire plausibile spiegazione; alle domande degli investigatori sul perché della sua presenza sulla costa siciliana, visto che lavora regolarmente a Malta, Satouri non aveva saputo rispondere. Per gli investigatori si tratta di un accompagnatore del gruppo di clandestini sbarcati a Cava D’Aliga che aveva il preciso compito di guidarli ed assisterli subito dopo lo sbarco.

Taoufik Satouri