Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 25 Maggio 2018 - Aggiornato alle 10:46
SCICLI - 21/11/2013
Cronache - Accolto il ricorso della società che gestisce il villaggio turistico

Cassazione dà ragione a "Baia Samuele"

In sostanza i giudici romani del massimo grado di giudizio hanno ritenuto che l’ordinanza dello scorso 17 gennaio a firma del gip di Catania non fornisce elementi sui quali possa dirsi integrato il «fumus» Foto Corrierediragusa.it

«Baia Samuele» come «Marsa Siclà»: la Cassazione ha accolto il ricorso della società che gestisce il villaggio turistico con le medesime motivazioni che avevano contraddistinto l’accoglimento di quello presentato dai titolari dell’altro residence. In sostanza i giudici romani del massimo grado di giudizio hanno ritenuto che l’ordinanza dello scorso 17 gennaio a firma del gip di Catania non fornisce elementi sui quali possa dirsi integrato il «fumus». In altre parole per la Cassazione non ci sarebbero stati gli elementi sufficienti per contestare il reato di traffico illecito di rifiuti propedeutico al provvedimento di sequestro del magistrato etneo concretizzatosi nell’apposizione dei sigilli alle due strutture ricettive il 19 gennaio 2013. Mentre «Marsa Siclà» fu poi dissequestrato ad agosto, per «Baia Samuele» i sigilli furono tolti lo scorso mese su decisione dei giudici del tribunale del riesame di Catania (presidente Maria Grazia Vagliasindi), in accoglimento dell’appello proposto dall’avvocato Aldo Lazzaro. Nei prossimi giorni si conosceranno le motivazioni della Cassazione, ma pare che rispetto all’analogo provvedimento che aveva riguardato il «Marsa Siclà» i magistrati abbiano espresso considerazioni più approfondite sulla complessa vicenda.

«Baia Samuele» è rimasto chiuso per nove mesi e, dunque, la stagione è andata perduta con gravi ripercussioni tra cui la perdita, tra dipendenti diretti e dell’indotto, di un rilevante numero di posti di lavoro, oltre a un danno di diversi milioni di euro. «Marsa Siclà» era invece riuscito a salvare solo in minima parte la stagione estiva dopo il dissequestro.