Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 732
SCICLI - 10/10/2013
Cronache - Due furti ed un tentato furto nella notte all’interno di alcune aziende agricole

Pregiudicati in possesso di arnesi da scasso, denunciati

I militari invitano i cittadini ad allacciare, gratuitamente, i propri sistemi di allarme direttamente alle Centrali operative dell’Arma Foto Corrierediragusa.it

Due furti ed un tentato furto nella notte all’interno di alcune aziende agricole di Scicli. Presa di mira la Contrada Boscorotondo dove è stato tentato un primo furto ai danni di un’azienda della zona ma nell’occasione i ladri sono stati messi in fuga dalla presenza di un dipendente che si trovava all’interno dello stabile. I malviventi hanno invece colpito prima l’azienda agricola «Portelli», dove hanno asportato un trattore con rimorchio, sacchi di concime e altra attrezzatura agricola per un valore di circa € 6.000, poi si sono introdotti nelll’azienda agricola «La Fenice» asportando prodotti chimici per l’agricoltura per un danno di circa 500 euro.

Visti gli episodi di furti nella zona, i Carabinieri della Compagnia di Modica hanno incrementato la presenza sul territorio, soprattutto nelle ore notturne. I militari dell’Arma, proprio durante la nottata, nel corso di un servizio di contrasto ai reati contro il patrimonio sul territorio di Scicli e Donnalucata, hanno controllato e identificato cinque soggetti siracusani, pluripregiudicati, che a seguito di perquisizione, sono stati trovati in possesso di chiavi alterate e grimaldelli, senza saperne dare giustificazione, e pertanto poi denunciati a piede libero. A tal proposito, i Carabinieri invitano i cittadini ad allacciare, gratuitamente, i propri sistemi di allarme direttamente alle Centrali operative dell’Arma.