Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:02 - Lettori online 1001
SCICLI - 07/10/2013
Cronache - A distanza di una settimana dal tragico sbarco con 13 morti a Sampieri

VIDEO - "Corsa della vergogna" tra i clandestini morti

Noi ci rivolgiamo ora a quella ragazza, per fornirgli, se lo riterrà opportuno, la possibilità di chiarirsi, di spiegare il proprio punto di vista Foto Corrierediragusa.it

A distanza di una settimana dal tragico sbarco con 13 morti a Sampieri a cui ha fatto seguito quello ben più drammatico di Lampedusa, non si ferma sui social network il tam-tam di commenti (negativi) su quella ragazza che faceva jogging proprio sulla spiaggia di Sampieri quella fatidica mattina. Una corsetta non interrotta nemmeno alla vista dei cadaveri in fila sulla spiaggia e di conseguenza ribattezzata come la «Corsa della vergogna».



Di questa ragazza che corre (e di cui vi proponiamo il breve video) non si sa nulla: chi sia, cosa faccia, dove risieda. Una cosa è certa: proseguendo nella sua attività fisica e non degnando (almeno all’apparenza) nemmeno di considerazione quei corpi umani senza vita adagiati sull’arenile, mentre altri disgraziati stavano annaspando in acqua per non annegare e altri si prodigavano nel soccorrerli, non ha di certo fornito una bella immagine di sé. Ci piacerebbe capire cosa sia passato nella mente di quella ragazza in quei momenti concitati. Se non ha interrotto quella corsa per esorcizzare la paura, per mero disinteresse o forse perché la forma fisica è più importante del dramma che si stava compiendo. Non giudichiamo (ci mancherebbe) ne ci facciamo idee preconcette.

Sta di fatto che gli indignati internauti non risparmiano critiche e commenti (talvolta irriferibili) all’indirizzo di quella ragazza che corre e che non si è fermata sfilando dinanzi ai cadaveri. Noi ci rivolgiamo ora a quella ragazza, per fornirgli, se lo riterrà opportuno, la possibilità di chiarirsi, di spiegare il proprio punto di vista, in modo da riabilitare la sua immagine e, perché no, quella di un intero territorio che, per fortuna, si è anche speso per aiutare i disperati.


Per Gianni
08/10/2013 | 12.42.42
Quarantenne separata

@Gianni:
Sicuramente tu non sarai meno stupido della ragazza che ha continuato a correre sulla spiaggia.
Il comportamento di questa ragazza è sicuramente da condannare ma questo non ti autorizza ad offendere le tante donne separate a cui sicuramente non gliene frega niente di fare le "stuzie" all´ex marito. Se poi hai tu dei problemi esistenziali questi sono affari tuoi.
Mi dispiace solo per le tante persone innocenti che sono morte ingiustamente in questa assurda tragedia.
Saluti.


aridita´ profonda..
07/10/2013 | 20.59.20
mimì

si dice "mens sana in corpore sano",in questo caso il corpo ,grazie al running ,sara´ sano,ma la mente......!!!


GENTE DI MXXDA!
07/10/2013 | 18.49.29
Gianni

Sarà probabilmente una 40enne separata che a tutti i costi deve recuperare la forma fisica per fare "stuzia" al suo ex marito a cui ha tolto già tutto. O magari è una non vedente alla quale hanno insegnato un tragitto e non si rende conto di ciò che la circonda...o sarà una di quelle che la domenica si batte il petto in Chiesa ma fuori se ne sbatte di tutti...o è semplicemente una persona vuota, alla quale ogni commento le scivola giù...come la mxxda che ha al posto del cervello.
Vergognati.


L´indignazione
07/10/2013 | 15.03.26
franco

L´indignazione di cui si parla dovrebbe essere rivolta a tutti i governanti europei, i quali bacchettano l´italia per il problema immigrazione invece di offrire aiuto ad una nazione che a "proprie spese" mantiene servizi ed accoglienza a questa povera gente.
l´europa piccola piccola "moralmente" è responsabile di quello che sta accadendo non una semplice ragazza che corre sulla spiaggia...ora prendiamocela con lei e la sua indifferenza...è facile incolpare qualcuno che con le sue tasse contribuisce sicuramente a rendere dei servizi a questi sfortunati piuttosto che i governanti nazionali che con la loro indifferenza ci fanno vergognare di far parte di questa piccola piccola europa!