Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1077
SCICLI - 29/06/2013
Cronache - Proroga delle indagini sulle 2 strutture ricettive sotto sequestro dallo scorso 19 gennaio

Estate finita per Baia Samuele e Marsa Siclà

Per il prossimo due luglio è stato intanto fissato un incidente probatorio nelle due strutture per effettuare ulteriori prelievi Foto Corrierediragusa.it

E’ definitivamente compromessa la stagione estiva dei villaggi turistici «Baia Samuele» e «Marsa Siclà», sotto sequestro dallo scorso 19 gennaio nell’ambito dell’inchiesta coordinata dalla direzione distrettuale antimafia di Catania sul traffico illecito di rifiuti, nella fattispecie reflui. Il consulente tecnico d´ufficio Fulvio Lucchi nominato dal gip di Catania lo scorso 19 aprile, ha chiesto una proroga di novanta giorni per completare gli accertamenti. La proroga, già concessa, impedisce di fatto la rimozione dei sigilli propedeutica alla ripresa dell’attività delle due strutture ricettive, che, di conseguenza, resteranno chiuse per tutta l’estate.

Per il prossimo due luglio è stato intanto fissato un incidente probatorio nelle due strutture per effettuare ulteriori prelievi. L’avvocato Enzo Galazzo puntava molto su un´accelerazione dei tempi dei lavori peritali soprattutto dopo che Lucchi, al momento dell´assunzione dell´incarico, si era impegnato a depositare una perizia preliminare per dare modo al gip di valutare la possibilità di potere dissequestrare le strutture ricettive sciclitane.