Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 542
SCICLI - 24/04/2013
Cronache - Manette per un incensurato di Scicli di 47 anni

VIDEO - Piantagione marijuana: un arresto

Centinaia di piantine alte anche fino a un metro e mezzo sequestrate nelle contrade di Pezza Filippa e Spinazza a Donnalucata
Foto CorrierediRagusa.it

Aveva messo su una rigogliosa piantagione di marijuana con centinaia di piantine, alcune alte pure un metro e mezzo, nascosta tra le serre delle contrade di Pezza Filippa e Spinazza a Donnalucata. Con l’accusa di coltivazione di marijuana ai fini dello spaccio gli agenti della Squadra mobile hanno arrestato Carmelo La China (foto), un insospettabile imprenditore agricolo sciclitano incensurato di 47 anni.



L’operazione antidroga è stata portata a termine nella prima serata di martedì in territorio di Scicli, dove i poliziotti della Mobile hanno sequestrato la piantagione di droga, estesa su alcune decine di metri quadrati.

Sarebbero poco meno di un migliaio le piantine di cannabis che crescevano rigogliose tra le serre nei pressi di Donnalucata, dove l’imprenditore si recava praticamente ogni giorno per prendersene cura. Nessun sospetto era mai stato nutrito dagli investigatori sul conto dell’imprenditore di Scicli, che, come accennato, era pure incensurato. Poi il continuo viavai nella zona e alcuni movimenti sospetti hanno indirizzato gli agenti sulla pista giusta, inchiodando alle proprie responsabilità l’uomo, che non ha saputo fornire adeguate giustificazioni. Dalla perquisizione domiciliare in casa dello sciclitano sono saltati fuori anche numerosi 150 semi di canapa indiana, un bilancino di precisione e altra droga pronta per lo spaccio. Dopo le formalità di rito, l’imprenditore agricolo è stato dunque arrestato.