Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 857
SCICLI - 02/04/2008
Cronache - Scicli - Lungo la Arizza-Forbice-Palmentella, nello Sciclitano

Ladri di rame saccheggiano l´impianto d´illuminazione Sr 62

Sommario non disponibile Foto Corrierediragusa.it

Gli impianti di illuminazione della Provincia al centro dell’attenzione dei ladri di rame. Un furto di filo di rame si è registrato nell’impianto di illuminazione sulla S.R. 62 (Arizza-Forbice- Palmentella, in territorio di Scicli). Ignoti hanno asportato i cavi elettrici di collegamento, provocando danni ai pali e manomissioni all’impianto per un danno di circa 30 mila euro. Già l’anno scorso si erano registrati furti della stessa tipologia su tre impianti di illuminazione della rete viaria provinciale (presso contrada Gatto Corvino, la s.p. n. 89 Marina di Ragusa-Donnalucata e la s.p. n. 37, nei pressi di contrada Monsovile). Il ripristino di questi impianti è costato alla Provincia circa 120mila euro.

«Registriamo con preoccupazione ? afferma l’assessore alla Viabilità, Giovanni Venticinque ? questi fenomeni delinquenziali, sempre più frequenti. Tali furti creano notevoli difficoltà per la Provincia, che si vede costretta a dirottare fondi e risorse destinati alla creazione di nuovi impianti per il ripristino di quelli danneggiati.

Ma oltre al danno economico subito - molto rilevante - non bisogna trascurare il grave pericolo conseguente all’abbandono dei cavi tranciati (ma ancora in parte collegati alla rete elettrica), con conseguente dispersione di corrente; un rischio che potrebbe anche pregiudicare l’incolumità di chi transita nelle zone interessate. Mi auguro che le forze dell’Ordine si attivino per arginare questi furti e reprimerli perché procurano un danno patrimoniale e mettono a repentaglio la pubblica incolumità degli automobilisti».