Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 908
SCICLI - 01/03/2013
Cronache - Le manette sono scattate per Rosario Timperanza, Gianni Di Martino e Giuseppe Mansueto

Spaccio di coca e hashish su Modica e Scicli: 3 arresti

Nell’operazione risultano indagate a piede libero altre 9 persone

Tre arresti per droga a Scicli. Le manette sono scattate per Rosario Timperanza, Gianni Di Martino e Giuseppe Mansueto, tutti sciclitani rispettivamente di 46, 42 e 38 anni. Le indagini, avviate dai Carabinieri della Tenenza di Scicli nel gennaio del 2011, hanno permesso di accertare l’esistenza di una rete di spacciatori operante sul territorio di Scicli, Modica e i centri abitati vicinori. Nell’operazione risultano indagate a piede libero altre 9 persone tra cui 2 di origine nord africana e un romeno, per la loro vasta area di assuntori. I tre sciclitani difatti si approvvigionavano di droga, prevalentemente hashish e cocaina, rivolgendosi agli immigrati, per poi smerciarla al dettaglio sul territorio ibleo a diversi tossicodipendenti.

L’attività investigativa, condotta con l’ausilio determinante delle intercettazioni telefoniche, ha consentito di delineare l’attività di una rete di spacciatori di droga, segnatamente hashish e cocaina, costituita in forme delinquenziali autonome ed attiva in tutto il comprensorio di Scicli, Modica e zone limitrofe. Individuati pure alcuni canali di approvvigionamento della sostanza stupefacente, gestiti da fornitori non meglio identificati poiché trattasi di immigrati clandestini.

Numerose le ipotesi di reato riconducibili al reato contestato di detenzione continuata ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. A dare avvio alle indagini il sequestro di una piantagione di canapa indiana da parte dei Carabinieri il 5 agosto del 2011. Gli spacciatori usavano un linguaggio criptico, indicando lo stupefacente con parole come «caffè», «pizza», «scarpe», «regalo», «scarpette da gioco». I tre sciclitani sono stati sottoposti agli arresti domiciliai nelle rispettive abitazioni.