Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1067
SCICLI - 27/06/2012
Cronache - Tre arresti dei Carabinieri

Scassinatori provetti in trasferta da Priolo a Scicli

Erano metodici Michele Parisi, Prospero La Spina e Nazareno Foti

Tre malviventi in trasferta da Priolo Gargallo, nel Siracusano, a Scicli, per «alleggerire» del contante gli apparecchi cambiamonete dei bar. Erano metodici Michele Parisi, Prospero La Spina e Nazareno Foti, di 53, 47 e 28 anni, per i quali sono scattate le manette da parte dei Carabinieri della compagnia di Modica. Il modus operandi del terzetto non era passato inosservato, e i militari si sono visti spianare la strada grazie alle testimonianze di un mucchio di avventori di un bar di Scicli, i quali avevano notato i movimenti dei tre aretusei, arrestati per il furto di un apparecchio cambiamonete installato nel bar preso di mira.

Le mosse del terzetto erano state immortalate anche dalle telecamere del sistema di telesorveglianza di cui è dotato il locale pubblico. L’unico a finire in carcere è stato Parisi, a quanto pare il cervello del gruppo. Agli altri due sono stati concessi i domiciliari. Stando alle indagini, i tre si introducevano nei bar, e, mentre uno faceva da palo, un altro giocava a carte con gli avventori, nell’intento di distogliere l’attenzione dall’attività del terzo complice, che, per mezzo di chiavi false, svuotava la cassa della macchina cambiamonete con una velocità e una sicurezza da far invidia al più scafato degli scassinatori.

Le indagini sono ancora in corso, al fine di accertare gli autori di altri episodi analoghi, che, in caso contrario, potrebbero essere addebitati sempre al terzetto finito in manette. Non è escluso che il «giochetto» sia stato effettuato anche in altri locali pubblici al di fuori di Scicli e della stessa provincia iblea. Ad ogni modo, in questo caso, le testimonianze dei clienti e dello stesso gestore del bar di Scicli, suffragate dalle immagini registrate dalle videocamere, hanno inchiodato i tre malviventi alle loro responsabilità. I dettagli sono stati illustrati ieri in procura dal procuratore Francesco Puleio e dal capitano dei militari Alessandro Loddo, che ha altresì incassato il plauso del sindaco di Scicli Franco Susino per le ultime, brillanti operazioni portate a termine nella cittadina.

Clicca sulle foto per ingrandirle e leggerne la didascalia

Michele Parisi Prospero La Spina Nazareno Foti