Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1114
SCICLI - 20/01/2012
Cronache - Operazione dei Carabinieri in via Bixio a Scicli con la "collaborazione" di un baby cittadino

Bimbo di 8 anni svegliato dai rumori fa arrestare un ladro

Le manette sono scattate per un immigrato

È notte fonda. La gente dorme. Un bimbo di 8 anni viene svegliato da rumori in strada e si affaccia curioso alla finestra della cameretta. Nota qualcosa di strano e chiama la mamma che, da dietro le tende, rileva un movimento sospetto tra le autovetture in sosta. Immediata la telefonata ai Carabinieri della tenenza di Scicli che in pochi minuti arrivano sul posto.

I militari non ci hanno impiegato molto tempo a capire cosa sia successo: 6 autovetture parcheggiate sulla pubblica via, infatti, avevano le portiere forzate, segno di un recentissimo danneggiamento con furto. Le tempestive ricerche dei Carabinieri hanno permesso di individuare un immigrato che si stava aggirando con fare sospetto nel quartiere. Sottoposto a perquisizione è stato trovato in possesso di una sacca al cui interno era contenuta la refurtiva asportata dalle autovetture in sosta lungo la via Bixio: 2 stereo, 1 navigatore Gps ed una torcia elettrica. La refurtiva è stata subito restituita ai legittimi proprietari accorsi in caserma a presentare la denuncia per il patito furto. L’arresto è stato poi convalidato nei giorni scorsi dal Tribunale di Modica.

I Carabinieri di Pozzallo, dal canto loro, hanno notificato a B.G. – 70enne pozzallese - un Ordine di esecuzione per la carcerazione con sospensione della pena. L’anziano, riconosciuto colpevole del furto aggravato di frutta commesso nel settembre 2011 a Noto, è stato condannato ad una pena di 6 mesi e 10 giorni di reclusione che, in virtù del provvedimento emesso dalla Procura di Modica, è stata sospesa. In quella occasione era stato arrestato dai carabinieri di Ispica insieme ad un complice.