Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 808
SCICLI - 09/01/2011
Cronache - Scicli: di Michele Giannone, 87 anni, non si avevano più notizie da sabato

Anziano vivo grazie al fiuto di un labrador

L’uomo era riverso lungo il torrente Modica Scicli. Ora è in rianimazione al Maggiore di Modica Foto Corrierediragusa.it

E’ stato ritrovato dagli uomini della Protezione civile di Scicli e dai nuclei di volontari provenienti da tutta la provincia di Ragusa Michele Giannone (nella foto), 87 anni, pensionato di Scicli, che da sabato mattina aveva fatto perdere le proprie tracce.

L´uomo presentava escoriazioni in tutto il corpo, con un principio di assideramento. L’anziano era riverso lungo il torrente Modica Scicli, a pochi metri, in linea d’aria, dalla nuova scuola materna di San Nicolò. Alle ricerche dei carabinieri e degli uomini coordinati da Ignazio Fiorilla, responsabile comunale protezione civile, hanno contribuito due unità cinofile. Pare che Giannone si fosse sentito male mentre stava passeggiando. Il freddo lo aveva poi bloccato. L’uomo è ricoverato in rianimazione al Maggiore di Modica. Le sue condizioni sono gravi ma stabili.

Settantasei tra donne e uomini della protezione civile hanno lavorato da sabato a mezzogiorno sino a domenica, alle 15,45, per ritrovare Giannone. A lanciare l’allarme erano state le due figlie dell’anziano, che soffre di una malattia che ne pregiudica le facoltà cognitive.

Settantasei unità al lavoro, anzi, settantasette. C’era anche Kyra, due anni, un labrador che ha indicato sin dal primo momento il sito tra la via Cristoforo Colombo e la via Valverde come luogo in cui cercare. Il cane scodinzolava, abbaiava e faceva cenno al padrone, Enzo, che si era vicini all’uomo scomparso. In mattinata si era sparsa la voce, infondata, che il cadavere dell’anziano fosse stato ritrovato al cimitero, dove l’uomo sarebbe andato a cercare la tomba dei cari. Ma era una notizia falsa.

In verità, l’ultimo avvistamento era avvenuto sabato mattina, intorno alle undici, in via Colombo, nei pressi di un gazebo della frutta. La svolta nelle indagini, cui hanno preso parte carabinieri e polizia municipale di Scicli, è avvenuta domenica pomeriggio, quando mancava un quarto d’ora alle sedici.

Kyra indica un viottolo, lungo il torrente Modica-Scicli, i volontari si introducono tra la selva, tra canne e fango. Siamo a pochi metri in linea d’aria dalla nuova scuola materna di San Nicolò. Riverso in acqua, a pancia in giù il pensionato, che sembrava morto. Invece era solo svenuto. L’anziano aveva escoriazioni in viso e in tutto il corpo e presentava un principio di assideramento. Adesso, ricoverato al Busacca, Giannone non è in pericolo di vita, mn’altra notte in mezzo all’acqua l´avrebbe stroncato. I gruppi comunali e i volontari della protezione civile della provincia si danno appuntamento al Centro Com, a Jungi, per festeggiare il ritrovamento, avvenuto dopo trenta ore di ricerche. La più coccolata è Kyra.

Nelle foto sotto (cliccateci per ingrandirle) da sx il luogo dove è stato ritrovato l´anziano, il labrador Kira e i volontari della Protezione civile che hanno condotto le ricerche