Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1403
SCICLI - 02/10/2010
Cronache - Scicli: storie torbide tra immigrati

Picchia la convivente per denaro, scattano le manette

Il tunisino violento era peraltro pure clandestino

Un tunisino di 36 anni finisce in cella con l´accusa di tentata rapina e inottemperanza all´obbligo di lasciare il territorio italiano. Afif Mgarden, è il nome del´immigrato finito in manette, si è reso protagonista di un episodio criminoso che poteva avere conseguenze ben più gravi.

L´uomo, secondo quanto reso noto dai carabinieri, dopo essersi introdotto all´interno dell´abitazione della sua ex convivente, P. P., 61 anni, di Scicli, in via Vitaliano Brancati, ha chiesto alla donna insistentemente del denaro. Al netto rifiuto della donna ha cominciato a picchiarla brutalmente. P.P., non s´è persa d´animo, riuscendo a liberarsi dall´energumeno e a rifugiarsi in un appartamento accanto.

È stato così chiesto l´intervento dei carabinieri. Mentre la signora veniva condotta al pronto soccorso dell´ospedale «Busacca», per ricevere le cure dei medici per le ferite e le escoriazioni riportate a seguito del pestaggio, il tunisino era ancora all´interno della casa.

Afif Mgarden al controllo dell´identità da parte dei militari dell´Arma è risultato non in regola con il permesso di soggiorno. L´immigrato è stato trasferito nel carcere di Piano del Gesù, a Modica Alta, dove si trova a disposizione dell´autorità giudiziaria.

Fonte: gazzetta del sud