Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1157
SANTA CROCE CAMERINA - 19/01/2010
Cronache - Santa Croce Camerina: i pacchi erano stati abbandonati sugli scogli in contrada Randello

Il "mistero" dei 14 chili di hashish trovati sulla spiaggia degli americani

Sicuramente il carico era destinato a qualche spacciatore del posto, che non ha saputo recuperarlo Foto Corrierediragusa.it

Erano andati a pesca di buon mattino, ma si sono imbattuti in un altro genere di merce: 13 chili e mezzo di hashish all’interno di piccoli pacchi (nella foto) sparpagliati sugli scogli tra la Spiaggia degli americani e contrada Randello, in territorio di Santa Croce Camerina.

E’ stata grande la sorpresa per due pescatori, che hanno subito avvisato la guardia di finanza. La droga era ben protetta in involucri sigillati. Le fiamme gialle ipotizzano che la droga sia stata gettata in mare da uno scafo o da qualche altra imbarcazione governata dai malviventi, magari dopo essere stati sorpresi dal controllo in mare di una motovedetta delle forze dell’ordine. E’ ipotizzabile che i trafficanti siano stati costretti a buttare il carico a mare per non rischiare d’essere scoperti e quindi arrestati.

Sicuramente il carico era destinato a qualche spacciatore del posto, che non ha saputo recuperarlo tra gli scogli. La località dove è stata ritrovata la droga è nota per essere stata, negli anni 60 e 70, il luogo dove venivano scaricate centinaia di grosse casse di sigarette di contrabbando. Oggi invece la Spiaggia degli americani è una località balneare molto frequentata e piena di bar e locali dotati anche di videosorveglianza.

Si auspica che le immagini delle telecamere possano fornire elementi utili per il prosieguo delle indagini coordinate dalla Procura di Ragusa. I finanzieri sono sulle tracce non solo di coloro che hanno scaricato la droga in mare, ma anche del destinatario, che, evidentemente, non è stato in grado di trovare i pacchi sparpagliati in mezzo agli scogli.