Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1108
SANTA CROCE CAMERINA - 13/09/2016
Cronache - I due stavano dormendo nel retrobottega del locale

Coppia sorpresa nel sonno affronta i ladri

Sono stati momenti di terrore ma per fortuna tutto è finito per il meglio Foto Corrierediragusa.it

Stavano dormendo nel retrobottega del locale quando si sono visti presentare due uomini incappucciati. Sono stati momenti di terrore per il titolare di un negozio di ortofrutta nel cuore di Casuzze e per la moglie. I coniugi si sono svegliati di soprassalto poco dopo le due quando si sono visti puntare un coltello. Poi, come se non bastasse, i due malviventi sono passati alle vie di fatto. Calci e pugni per l’uomo utilizzando il manico del coltello. Il fruttivendolo ha riportato un grosso ematoma all’arcata sopraccigliare sinistra. E’ stato immobilizzato dai malviventi ma a quel punto è intervenuta la moglie che per tutta risposta ha subito un forte schiaffo al volto. E’ stato in quel momento che il fruttivendolo ha deciso di reagire per proteggere la moglie e il nipotino che dormiva in un locale attiguo. La colluttazione che è seguita con il malvivente che brandiva il coltello ha avuto esito positivo perché il ladro ha deciso di lasciar perdere e darsi alla fuga mentre l’altro si è dileguato nel buio. Il commerciante ha anche trovato una corda all’interno del locale, che, nelle intenzioni dei ladri, poteva servire a legare la coppia e a fare razzia all’interno, cominciando dal contante dell’incasso di giornata. La moglie del negoziante ha chiamato subito i soccorsi. I due sono stati trasportati in ospedale dove sono stati riscontrati alcuni ematomi ma nient’altro di grave. L´uomo ha sporto denuncia alle forze dell´ordine e consegnato la registrazione delle immagini della telecamera che si trova nel suo negozio. L’uomo ha riferito che i due ladri parlavano solo a monosillabi ed ha ipotizzato che possa trattarsi di stranieri.