Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 864
SANTA CROCE CAMERINA - 22/02/2016
Cronache - Il fenomeno del "phishing"

Ruba i codici della carta e preleva mille euro dal conto

Denunciato un 27enne Foto Corrierediragusa.it

Un napoletano 27enne è stato denunciato dai carabinieri per ricettazione, frode informatica e utilizzo di carta di credito rubata. Tutto era cominciato quando un santacrocese, circa un mese fa, aveva subito un fraudolento addebito di quasi mille euro sul suo conto corrente ed era andato dai carabinieri a presentare la denuncia. I militari, contattata la banca, avevano scoperto che l’addebito era servito per pagare due polizze assicurative per auto in territorio di Napoli. Tramite i carabinieri di Castellammare di Stabia sono stati interrogati i proprietari dei due veicoli assicurati. Entrambi hanno indicato un intermediario assicurativo di un paese vicino al loro che, a sua volta convocato in caserma, non ha fornito giustificazioni precise sulla transazione accampando storie inventate su uno sconosciuto che avrebbe eseguito i pagamenti per conto suo. Tale fantomatico intermediario assicurativo, P.D.M. di 27 anni, è stato quindi denunciato alla procura di Ragusa. L´uomo, peraltro risulta gravato da decine di analoghe denunce da tutte le parti d’Italia.

I carabinieri, approfondendo l’indagine, hanno scoperto che la vittima aveva subito il furto dei codici della carta tramite internet. Aveva infatti ricevuto un’email dal gestore della carta che gli richiedeva di accedere al sito inserendo i dati della carta stessa. Dopodiché la truffa è stata compiuta. Tale metodo è noto come «phishing», termine inglese che significa «pesca», ovvero i delinquenti «pescano» sul web i numeri delle carte degli ignari truffati. Dunque la regola d´oro consiste nel non fornire mai i propri dati rispondendo a richieste di mittenti sconosciuti o sospetti.