Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 895
SANTA CROCE CAMERINA - 11/12/2015
Cronache - In azione i cani molecolari e il geo radar

Si cercano ancora i resti di Maria

La pensionata 79enne lasciò 2 figlie e il marito Foto Corrierediragusa.it

A distanza di oltre un decennio dal presunto delitto, non è mai stato ritrovato il corpo di Maria Di Martino (foto), la pensionata di 79 anni scomparsa nel febbraio 2005 con una somma di denaro, lasciando 2 figlie e il marito. Ora gli inquirenti ritengono non peregrina l’ipotesi che i resti della povera donna possano trovarsi nelle fondamenta della casa del genero, Giuseppe Maurici, imputato nel processo per omicidio volontario in Corte d’Assise. La tesi investigativa non esclude che il cadavere possa essere stato a suo tempo sepolto nelle fondamenta della casa, all’epoca in costruzione. In queste ultime ore i cani molecolari sono stati «sguinzagliati» nella zona dai poliziotti, che si sono avvalsi anche del geo radar. Proprio giovedì si era tenuta l’ultima udienza del procedimento a Siracusa in cui l’uomo si è sempre dichiarato innocente. Di recente si era appurato che Maurici, qualche giorno dopo la scomparsa della donna, avrebbe acquistato diversi metri cubi di cemento. Un elemento che è sembrato alquanto anomalo, specie se associato alla contestuale sparizione della ingente somma di denaro assieme alla presunta vittima. Maurici era apparso fin da subito come uno dei probabili responsabili della scomparsa della donna, e difatti fu rinviato a giudizio. Starnamente però solo adesso si cerca il cadavere della donna anche in casa sua, visto che le ricerche, portate avanti in più aree in questi anni, non si erano mai estese alla casa in costruzione.

Gli investigatori, per tre giorni, hanno utilizzato speciali strumentazioni per «radiografare» le strutture dell’immobile. Alcuni reperti ritrovati nei pressi della casa di Maurici sono ora al vaglio della scientifica. Dal riserbo sulla vicenda trapela che potrebbero registrarsi dei risultati importanti che potrebbero portare ad una svolta nella vicenda, risolvendo il giallo. Novità di rilievo sarebbero attese per i prossimi giorni.