Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 776
SANTA CROCE CAMERINA - 05/04/2015
Cronache - Gli effetti collaterali dell’omicidio del piccolo Loris

Lite in carcere tra Veronica Panarello e il marito Davide

La donna ha continuato a proclamarsi innocente, non dicendo le verità si aspettava il coniuge Foto Corrierediragusa.it

Sono addirittura dovuti intervenire gli agenti di polizia penitenziaria per placare gli animi di Veronica Panarello e Davide Stival (foto) nella stanza dei colloqui del carcere di Agrigento, dove la donna si trova rinchiusa con l’accusa di aver ucciso il figlio Loris di 8 anni e di averne gettato il corpo nel canalone del mulino vecchio, nelle campagne di Santa Croce, quel maledetto 29 novembre. Una Pasqua amara e ulteriormente avvelenata dal litigio in carcere di sabato scorso per i coniugi Stival, già segnati per sempre dall’omicidio del loro piccolo. Davide Stival, dopo la telefonata della moglie che lo supplicava di andarla a trovare perchè doveva dirgli cose importanti di persona, si è deciso a rivederla con la speranza di sentire quelle verità che la donna non ha mai palesato. La linea di condotta sull’assoluta innocenza proclamata ancora una volta dalla Panarello ha fatto rapidamente degenerare il colloquio, durato circa un’ora e mezza tra accuse reciproche e animi tesi. Come accennato, almeno in un paio di occasioni gli agenti di polizia penitenziaria hanno dovuto stemperare i toni. Alla fine le distanze tra marito e moglie si sono pure acuite.

Entrambi si rivedranno al tribunale dei minori il prossimo 21 aprile quando i giudici conferiranno l’incarico allo psichiatra Gioacchino Gugliotta per sottoporre l’indagata alla perizia genitoriale volta alla valutazione dell’attitudine della donna a poter fare da mamma all’altro figlioletto di 4 anni.

Poco più di un mese fa era stata difatti sospesa la patria potestà a Veronica e ai suoi genitori, ai quali è stato impedito di avere contatti con il fratellino di Loris, che vive con il papà, nominato tutore unico dai giudici, e con la nonna paterna. Il 29 maggio infine davanti la prima sezione della Cassazione si terrà l´udienza del ricorso per la scarcerazione di Veronica Panarello.