Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1521
SANTA CROCE CAMERINA - 25/02/2014
Cronache - Erano già state arrestate quattro persone per traffico di droga

Operazione Biberon: arrestato tunisino

Ne mancano quattro all’appello, due dei quali già localizzati ma all’estero Foto Corrierediragusa.it

I militari della caserma carabinieri, d’intesa con i colleghi delle sezioni «catturandi» e «antidroga» del Nucleo investigativo provinciale, hanno aggiunto l’ultimo tassello all’operazione «Biberon», che più di una settimana fa aveva portato in carcere già quattro persone per traffico e vendita di sostanze stupefacenti. I quattro sono stati indagati per aver venduto droga in maniera sistematica e massiccia per tre mesi consecutivi presso il parcheggio di una pizzeria situata sulla provinciale Santa Croce - Scoglitti, con l’aggravante d’averla venduta a decine di minorenni.

Adesso è stato assicurato alla giustizia il tunisino Grami Hamda, 23 anni, che nella operazione della scorsa settimana era riuscito a sfuggire all’arresto in quanto si era trasferito a Vittoria, ospite di alcuni amici. Lunedì mattina, in modo del tutto occasionale, era rientrato a Santa Croce Camerina, dove un’autopattuglia dei militari della locale caserma, incrociatolo per strada e riconosciutolo, l’ha seguito fino in casa e qui fermato e posto in arresto. La perquisizione seguente compiuta dai militari dell’Arma all’interno della sua abitazione non ha permesso di trovare dell’altra sostanza stupefacente a disposizione del giovane tunisino.

Nell’operazione «Biberon», compiuta alle prime luci dell’alba del 15 febbraio scorso, i carabinieri erano intervenuti in forze a Santa Croce con un supporto aereo e unità cinofile arrestando una banda di spacciatori che avevano di fatto creato una rete ben organizzata per la cessione di hashish e marijuana al dettaglio nei pressi di un punto nevralgico e facilmente raggiungibile fuori Santa Croce. La posizione strategica della centrale dello spaccio aveva loro permesso di ricevere indisturbati clienti sia di Santa Croce ma anche di Ragusa, Comiso e Vittoria.

Al momento dei nove cinque sono dietro le sbarre. Ne mancano quattro all’appello, due dei quali già localizzati ma all’estero. Gli altri due sono attivamente ricercati tra Santa Croce, Vittoria, Scoglitti e Acate.