Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 515
SANTA CROCE CAMERINA - 01/09/2013
Cronache - Dopo un rocambolesco inseguimento dei Carabinieri

Denunciato dai Carabinieri un tunisino ladro di scooter

Il giovane è stato sorpreso in sella ad uno scooter appena rubato Foto Corrierediragusa.it

Un tunisino è stato denunciato per resistenza e ricettazione e rimpatriato dopo un rocambolesco inseguimento. I militari dell’Arma camarinense erano impegnati in un posto di controllo lungo una strada a ridosso del centro abitato quando hanno notato sopraggiungere un ciclomotore il cui conducente, alla vista dei due carabinieri, svicolava prima del posto di controllo. I due militari, compresa subito la situazione, saltavano in auto e si lanciavano all’inseguimento, certi che il giovane avesse qualcosa da nascondere, o droga o refurtiva.

Lo straniero, evidentemente non molto pratico delle due ruote, ruzzolava malamente in terra dopo alcune centinaia di metri, tentando quindi la fuga a piedi, raggiunto, bloccato e ammanettato dopo pochi metri dai due inseguitori. Portato in caserma veniva identificato compiutamente tramite foto e impronte. I militari potevano avere riscontro ulteriore sulla sua identità poiché trovavano un passaporto presso l’abitazione di una ragazza italiana a Santa Croce, risultata essere la fidanzata.

I militari ricercavano i numeri di telaio e/o la targhetta identificativa sul Piaggio Zip, sospettando la sua origine furtiva. Scoprivano che il telaio era stato tagliato all’altezza del numero seriale e che la targhetta identificativa del vano sottosella era stata divelta. Lo scooter è stato sottoposto a sequestro e il fermato, N.G., 23enne tunisino disoccupato e senza permesso di soggiorno, è stato indagato per resistenza a pubblico ufficiale, ricettazione e ingresso clandestino nel territorio dello Stato.

Tramite l’Ufficio Immigrazione della Questura Iblea è stato possibile ottenere un posto presso il c.i.e. di Caltanissetta, da dove nei prossimi giorni il tunisino ci lascerà per far rientro nella sua Madre Patria. Se qualche cittadino dovesse riconoscere nella foto il proprio ciclomotore (foto) è pregato di contattare quanto prima i carabinieri della stazione di Santa Croce Camerina.