Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 976
SANTA CROCE CAMERINA - 01/09/2013
Cronache - I malviventi non hanno rubato nulla

Misteriosa incursione dei ladri nella chiesa di S. Giovanni

Il parroco e arciprete don Angelo Strada ha scoperto il tentativo di furto

Misteriosa incursione dei ladri nella notte tra sabato e domenica all’interno della Chiesa madre intitolata a San Giovanni Battista. Ignoti malviventi hanno rotto la finestra che dà sulla sagrestia, posta sul lato destro della chiesa risalente al XIII secolo, quasi vicino la parte iniziale di viale della Repubblica e sono penetrati all’interno del luogo di culto, proprio dalla porta della sagrestia. Una volta all’interno della chiesa, gli ignoti si sono mossi furtivamente ma non hanno rubato nulla, come poi verificato dal parroco don Angelo Strada, non intaccando né le cassette delle offerte né trafugando arredi od oggetti sacri. Nel tentativo di uscire da una porta laterale, hanno divelto la porta basculante posta prima della porta esterna, adagiandola poi ai piedi di un altare laterale. Sono poi usciti dalla porta esterna laterale sinistra che da sul proseguimento di via G.Meli e si sono dileguati.

Il parroco e arciprete don Angelo Strada ha scoperto il tentativo di furto in chiesa e ha sporto denuncia ai carabinieri della locale caserma che hanno iniziato le indagini. L’arciprete della parrocchia di San Giovanni Battista non si sa spiegare la dinamica del tentato furto in chiesa, ammettendo di non aver avuto nei giorni precedenti segnali che potevano far presagire un’azione del genere. Non si sa infatti se gli ignoti malfattori volevano compiere una semplice bravata o se, non trovando oggetti di valore o soldi nelle cassette delle offerte, hanno abbandonando senza colpo ferire il luogo di culto.