Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 832
SANTA CROCE CAMERINA - 18/06/2013
Cronache - Il sinistro si è verificato venerdì pomeriggio in via Guglielmo Iozzia

Incidente in bici: una 18enne in coma

Al nosocomio ibleo i medici hanno costatato un grave trauma cranico e hanno deciso il trasporto con un elicottero all’unità neurologica dell’ospedale «Cannizzaro» Foto Corrierediragusa.it

E’ avvolto nel mistero l’incidente in cui è stata vittima una ragazza di 18 anni, E.V., che venerdì pomeriggio in via Guglielmo Iozzia, una arteria vicina al locale ufficio postale, proprio dietro le scuole medie, è stata trovata esanime a terra ed è stata subito soccorsa e trasportata all’ospedale «Civile» di Ragusa. Al nosocomio ibleo i medici hanno costatato un grave trauma cranico e hanno deciso il trasporto con un elicottero all’unità neurologica dell’ospedale «Cannizzaro» di Catania. I medici della struttura sanitaria catanese hanno riscontrato un grave trauma cranico ma per il momento non hanno deciso di operarla in quanto l’ematoma non si è evoluto i peggio. La ragazza è in prognosi riservata e tenuta in coma farmacologico. Poco chiara la dinamica dell’incidente. La ragazza percorreva la strada cittadina con la sua bicicletta in un orario dove c’era ancora molta luminosità. E.V., verosimilmente, è caduta dalla bici o è stata investita da qualcuno e ha sbattuto il capo sullo spigolo del marciapiede.

Sul posto sono intervenuti i vigili urbani che hanno iniziato le indagini sulle quali sembra esserci una difficoltà nel comprendere la dinamica effettiva dell’incidente in quanto la ragazza è in stato di incoscienza e non può dare alcuna spiegazione e non ci sono testimoni che hanno assistito all’incidente. L’episodio sembra comunque poco chiaro in quanto la gravità dell’incidente tenderebbe ad escludere una dinamica autonoma. Gli inquirenti comunque non propendono attualmente per alcuna ipotesi lasciando aperta la possibilità sia dell’incidente autonomo che a quello procurato, proprio perché non esiste alcun elemento che possa far pensare all’una o all’altra ipotesi.