Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 610
SANTA CROCE CAMERINA - 14/06/2013
Cronache - Viveva da solo e lavorava presso una struttura turistica anche come addetto alle manutenzioni

Malore stronca giardiniere a S. Croce. Carabinieri indagano

Il magistrato ha disposto l’ispezione cadaverica. La salma restituita già ai parenti

Aveva accusato un leggero malessere la sera precedente e per questo era andato a letto presto chiedendo a un collega di provvedere ad accogliere i turisti che sarebbero giunti di lì a poco nella struttura turistica dove svolgeva diverse mansioni, da responsabile dell’accoglienza a giardiniere, a operaio. Maurizio Canzonieri, 40 anni di Ragusa, però verso l’una di notte, probabilmente in seguito ad un rigurgito, è morto nella sua stanza senza poter chiedere soccorsi. Ieri mattina i colleghi, sebbene erano già le 11, non vedendolo ancora dedicarsi alle normali attività all’interno dell’elegante agriturismo, posto all’inizio della provinciale che da Santa Croce conduce a Punta Braccetto, si sono insospettiti. Lo hanno così cercato nella sua stanza. Aperta la porta, i colleghi del giovane operaio ragusano trovavano Maurizio Canzonieri esanime a letto, senza che desse segni di vita.

I titolari dell’agriturismo avvertivano i carabinieri della locale stazione che, giunti sul posto, non potevano che rendersi conto della presunta morte dell’uomo, avvertendo il medico legale. Il perito, giunto di lì a poco, dopo una ispezione cadaverica esterna, appurava che il giovane tuttofare era morto intorno all’una di notte per arresto cardiocircolatorio, sopraggiunto a seguito di un rigurgito forse subìto per lo stato di sofferenza che aveva avuto la sera precedente. Il corpo dello sfortunato operaio veniva dapprima condotto all’obitorio del cimitero di Santa Croce e poi restituito nel pomeriggio ai familiari, secondo le disposizioni del medico legale che riteneva di non effettuare altre introspezioni cadaveriche. I carabinieri della locale caserma hanno chiuso il caso non riscontrando elementi che abbiano potuto provocare la morte dell’uomo, secondo le indagini del medico legale.