Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1270
SANTA CROCE CAMERINA - 08/06/2012
Cronache - Un malore ha colto l’uomo mentre stava lavorando

Morte sospetta di un agricoltore a Santa Croce Camerina

I medici del pronto soccorso del "Guzzardi" non hanno potuto fare altro che constatare la morte dell’uomo

Era impegnato ad effettuare in una serra impiantata a colture orticole un trattamento con l’impiego di fitofarmaci quando ad un certo punto ha accusato difficoltà respiratorie. L’uomo, un 53 enne di Santa Croce, si è poi accasciato a terra iniziando a sbavare e ad ansimare. La compagna, presente nell’azienda di contrada San Martino, a pochi chilometri dalla cittadina, ha subito chiamato il 118 che ha trasportato l’agricoltore all’ospedale «Guzzardi» di Vittoria.

I medici del pronto soccorso del nosocomio vittoriese però non hanno potuto fare altro che constatare la morte dell’uomo per arresto cardiocircolatorio ma avvertendo nello stesso tempo gli inquirenti del commissariato di pubblica sicurezza di Vittoria in quanto l’arresto cardiocircolatorio poteva essere, secondo i sanitari, dovuto non a cause fisiche interne ma, probabilmente, a fattori esterni. La morte del 53enne può essere stata causata, si sospetta, dalle conseguenze del trattamento con fitofarmaci che l’agricoltore stava effettuando nella sua azienda.

Il condizionale è d’obbligo. Non c’è infatti, per il momento, alcuna certezza in merito ma gli inquirenti hanno bloccato le procedure di riconsegna della salma ai familiari per andare a fondo sulle cause della morte del coltivatore di primaticci, molto conosciuto e apprezzato nella cittadina. Le indagini del commissariato di Vittoria si avvarranno probabilmente dell’esame autoptico che dovrebbe essere effettuato in giornata. Gli inquirenti stanno anche andando a fondo sulle condizioni fisiche dell’agricoltore per verificare se soffrisse di patologie che possono aver causato il decesso ma al momento non c’è alcun elemento probante che possa avvalorare qualunque causa che ha portato alla morte l’agricoltore.