Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 815
SANTA CROCE CAMERINA - 21/05/2012
Cronache - Arresti della Guardia di finanza in 2 distinte operazioni

Manette per 2 pusher con droga e contante in tasca

I due sono stati trovati in possesso di 60 grammi di hashish, un grammo di cocaina, un coltello per il taglio della droga e la somma contante di 345 euro, presumibile provento dello spaccio
Foto CorrierediRagusa.it

Due immigrati di 35 e 20 anni, Mohamed Alì e Dridi Wassim, sono stati arrestati dalle Fiamme gialle in due distinti episodi per detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio. I due sono stati trovati in possesso di 60 grammi di hashish, un grammo di cocaina, un coltello per il taglio della droga e la somma contante di 345 euro, presumibile provento dello spaccio.

Due pattuglie del Nucleo Mobile della Compagnia della Guardia di finanza di Ragusa, nell’ambito di specifici servizi di controllo del territorio e a contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, effettuavano una specifica attività di controllo a Punta Braccetto, frazione di Santa Croce Camerina.

Dopo un appostamento nell’alveo del torrente di Punta Braccetto, il più delle volte utilizzato come nascondiglio dello stupefacente o come via di scampo dagli stessi pusher per sottrarsi alle manette, i finanzieri individuavano Alì intento a cedere della sostanza stupefacente a persone, che, una volta ricevuta la «roba», si dileguavano tra le campagne evitando di percorrere le normali strade di accesso proprio per paura di essere intercettati dalle forze dell’ordine.

I militari decidevano di effettuare un intervento diretto nei confronti dell’immigrato, il quale, come previsto, alla vista della sola autovettura in uso agli operatori si dava alla fuga, dirigendosi verso l’alveo del torrente. Qui ad aspettarlo vi erano altri due finanzieri che hanno bloccato il fuggitivo. Sottoposto a perquisizione veniva trovato in possesso di 12 grammi circa di stupefacente tipo hashish, già suddiviso in stecche e pronto per lo spaccio, 1 grammo di cocaina e la consistente somma di 215 euro, provento dello spaccio. All’interno del vano oggetti del ciclomotore veniva trovato altro stupefacente e un coltello a serramanico utilizzato per il taglio dell’hashish.

Successivamente, mentre i finanzieri facevano rientro in Caserma per la stesura degli atti di rito, giunti sulla Sp 85 Scoglitti-Santa Croce Camerina, nei pressi di un noto esercizio commerciale, si imbattevano in una palese cessione/acquisto di stupefacente ad opera di quattro giovani risultati essere tutti residenti a Mazzarrone, in trasferta in provincia di Ragusa proprio per l’acquisto dello stupefacente. I finanzieri non si sono fatti scappare l’occasione. Infatti nonostante stessero conducendo in Caserma l’immigrato fermato precedentemente, hanno avuto la prontezza e la rapida organizzazione nel sorprendere lo spacciatore e gli acquirenti nell’attimo esatto dello scambio. Da una immediata ricognizione dei luoghi è stato rinvenuto il resto dello stupefacente artatamente, nascosto dall’immigrato Wassim. Inevitabili le manette.

Nella foto in alto la droga e il denaro sequestrati