Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 1032
SANTA CROCE CAMERINA - 21/05/2012
Cronache - Manette per un comisano di 37 anni, residente a Punta Braccetto, ma di fatto domiciliato a Comiso

Stalking alla ex fidanzata, domiciliari per Flaccavento

A seguito di denuncia della vittima venivano svolte indagini che consentivano di appurare che, dal momento della fine della relazione, la donna è stata oggetto di una persecuzione continua

Aveva molestato la ex fidanzata fino all´esasperazione. Per Claudio Flaccavento, comisano di 37 anni, residente a Punta Braccetto, ma di fatto domiciliato a Comiso, celibe, impiegato, incensurato, sono scattate le manette. All´uomo sono stati tuttavia concessi i domiciliari.

Flaccavento è stato arrestato dai Carabinieri del comando provinciale di Ragusa poiché responsabile di atti persecutori, ovvero stalking, ai danni della sua ex fidanzata, una studentessa di 32 anni. Li atti persecutori sarebbero stati commessi nel periodo novembre 2011 - maggio 2012.

A seguito di denuncia della vittima venivano svolte indagini che consentivano di appurare che, dal momento della fine della relazione, la donna è stata oggetto di una persecuzione continua, fatta di pedinamenti, appostamenti sotto casa, molestie telefoniche, minacce di morte e, in ultimo, di diffusione di fotografie personali, sino a quando la malcapitata, entrata ormai in uno stato ansioso, che l’avevano portata a modificare il suo stile di vita, per non doversi trovare faccia a faccia con l’ex fidanzato, magari appostato fino a tarda notte nei luoghi di abituale ritrovo della donna, ha deciso di rivolgersi ai Carabinieri.

I militari, compresa la gravità della situazione e la pericolosità sociale del soggetto, hanno subito dato inizio alle indagini, raccogliendo elementi sufficienti a consentire l’arresto del persecutore. Il giovane, dopo le formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari nella sua abitazione.


BENISSIMO
24/10/2013 | 3.56.25
FRANCESCO

SI PARLA TANTO DI FEMMINICIDIO .......
E POI STI TIZI SONO LIBERI COME GLI UCCELLI
CHE SI ASPETTA???
CHE LA FACCIA FUORI PER SBATTERLO DENTRO?