Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1240
SANTA CROCE CAMERINA - 09/05/2012
Cronache - Hanno cercato di incastrare un muratore di nazionalità tunisina

Simulano stupro in un casolare. Arrestata una romena

Si tratta di Iasura Paula Rimba, 32 anni. Denunciata la complice di 18 anni

Due ragazze romene simulano un’aggressione con tanto di violenza sessuale per incastrare un muratore tunisino, del tutto all’oscuro del piano orchestrato ai suoi danni dalle due donne. E’ quanto emerso dalle indagini svolte dai Carabinieri, che, accertando la buona fede dell’immigrato, hanno invece arrestato Isaura Paula Rimba, 32 anni, accusata di calunnia, e denunciato la complice 18enne che aveva dichiarato d’essere stata stuprata in un casolare nei pressi di Torre di Mezzo.

Era stata la Rimba a chiamare il 112, asserendo che l’amica fosse stata picchiata e costretta da un uomo a salire su uno scooter che si era poi dileguato verso Punta Secca. I militari hanno accertato che in un casolare di contrada Serramenzana, in uso al tunisino di 33 anni accusato dalle due ragazze, non era stata consumata alcuna violenza sessuale e che, in realtà, la donna non era stata costretta dal tunisino a seguirla con la forza, ma si era allontanata volontariamente con lui a bordo dello scooter. Lo stesso tunisino, un muratore residente a Santa Croce Camerina, è rimasto incredulo dinanzi alla versione dei fatti successivamente fornita delle due ragazze, a carico delle quali sono scattati l’arresto e la denuncia.

I Carabinieri hanno anche arrestato in flagranza di reato per furto in abitazione Vincenzo Di Benedetto, vittoriese di 24 anni, celibe, impiegato nel settore agricolo, pregiudicato. Il ragazzo è stato bloccato immediatamente dopo avere rubato dall’interno dell’abitazione di una modicana di 77 anni, vedova, casalinga, una borsa contenente alcuni gioielli, per un danno di 700 euro circa. Nel corso della perquisizione personale, il vittoriese è stato trovato in possesso di arnesi atto allo scasso, posti sotto sequestro. Vincenzo Di Benedetto si trova rinchiuso nella casa circondariale di Ragusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.