Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 788
SANTA CROCE CAMERINA - 28/08/2011
Cronache - Era in vacanza con la famiglia di una compagnetta

Eleonora Lavore, 15 anni, gelese, annega a Punta Braccetto

S’erano tuffate in 3, due ragazze e un bambino. Eleonora non è riuscita ad aggrapparsi allo scoglio ed è stata trascinata dalla corrente. Quando il mare l’ha restituita era già morta. La mamma, giunta da Gela, colta da malore e trasportata all’ospedale di Vittoria
Foto CorrierediRagusa.it

Tragedia a Punta Braccetto nel pomeriggio. Una ragazza di 15 anni, gelese, Eleonora Lavore (foto), è annegata nelle acque dei «Canalotti», territorio di Punta Braccetto. La disgrazia si è verificata intorno alle 15.15. Le pessime condizioni del mare sono stati fatali alla sventurata minorenne.

La vittima si trovava a Punta Braccetto con la famiglia di una compagnetta. Mentre le due le ragazze e un bambino stavano facendo il bagno, un’onda forte li ha risucchiati verso il largo. Una delle due e il bambino sono riusciti in qualche modo ad aggrapparsi allo scoglio, l’altra invece è stata trasportata via dalla corrente e inghiottita dalle onde.

I soccorsi operati dagli uomini della Capitaneria di Porto di Scoglitti, coordinata dal maresciallo Luigi Vaccarisi e dal Presidio territoriale d’emergenza di Punta Braccetto, nonché dai Vigili del fuoco sono stati difficilissimi. Quando la ragazza è stata recuperata e portata sulla battigia c’era ormai ben poco da fare. A nulla è valso il massaggio cardiaco praticato dai sanitari del Presidio territoriale d’emergenza: la ragazza era già deceduta. Poco dopo sono arrivati i parenti da Gela, e sono stati scene di straziante dolore. La mamma di Eleonora Lavore è stata colta da malore e trasportata al Pronto soccorso di Vittoria. (Ha collaborato Laura Incremona)