Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1249
SANTA CROCE CAMERINA - 19/02/2011
Cronache - Calcio Eccellenza: trasferta difficile per i camarinensi ad Adrano

S. Croce contro il Biancadrano fuori cerca punti salvezza

Il cambio di panchina ha portato benefici al gioco e il presidente Agnello crede nelle possibilità della sua squadra. In campo gli stessi undici che hanno perso contro il Palazzolo

Completa il trittico terribile di partite il S.Croce che, dopo Vittoria e Palazzolo, affronterà nel pomeriggio un’altra pretendente alla vittoria finale, quel Biancadrano in lotta per risalire in serie D che viene da una dura sconfitta e che vuole riscattarsi, almeno davanti ai suoi tifosi. Sarà quindi doppiamente arduo l’incontro per i biancazzurri che oltre al pronostico chiuso hanno contro anche il fattore campo. Quello che lascia uno spazio all’ottimismo per la formazione del presidente Marco Agnello è però la ritrovata vena agonistica, la capacità di gioco e la buona condizione tattica giunta da due turni con il cambio della panchina. Se poi si tiene in conto che il S.Croce nelle partite «difficili» si esalta, ecco che la trasferta ad Adrano potrebbe anche lasciare adito a qualche speranza, se non di vittoria ma almeno di prendere qualche punto e di ben fi-gurare.

«Andiamo ad Adrano per giocarci la partita tentando anche l’impossibile – confessa il presidente Agnello, interpretando l’umore di tutti i giocatori – Se abbiamo il piglio giusto e dimostriamo carattere e gioco, non partiamo battuti. La crisi dei gol? L’importante – osserva il presidente biancazzurro – che ora c’è il gioco, la rispondenza tattica e la creazione di occasioni da gol. Le reti arriveranno». E’ ottimista il massimo dirigente del S. Croce. La squadra infatti sembra andare consolidarsi. L’utilizzo a pieno regime di Crisafulli sembra aver innalzato il baricentro del gioco e l’allargamento del centrocampo a tre ha rinvigorito la capacità di penetrazione degli avanti biancazzurri. Si partirà dalla formazione di domeni-ca scorsa che, seppur perdente con il Palazzolo, ha mostrato di saper tenere testa alla migliore formazione del campionato. In avanti c’è solo il dubbio di Rizzo che venerdì in allenamento ha rimediato una botta. Al suo posto potrebbe giocare Virga in avanti con Crisafulli e Di Vita da esterni. Confermati a centrocampo D’Agosta, Castro e Romeo e in difesa la linea di domenica scorsa composta da Mazzone, Guarino, D’Iapico e Mancarella in un mix tra veterani e giovani che stanno ben figurando e che hanno dimostrato di ben arginare i reparti avanzati anche di formazioni di alta classifica. Insomma il S.Croce ci proverà. Chissà che non giunga la sorpresa.