Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 853
SANTA CROCE CAMERINA - 17/01/2011
Cronache - Santa Croce Camerina: nessun danno alle persone, piazzetta inagibile

Incendio garage: potrebbe essere di natura dolosa

Le famiglie, però, dopo che l’incendio era stato spento e dopo la messa in sicurezza della zona, sono state fatte rientrare nelle rispettive abitazioni
Foto CorrierediRagusa.it

Un incendio è scoppiato lunedì pomeriggio all’interno di un garage sotterraneo del complesso residenziale «Psaumide» (nella foto), sito all’inizio della strada provinciale S.Croce-Malavita-Ragusa e a ridosso della circonvallazione Costa degli Archi. Per cause ancora in via di accertamento, all’interno di uno dei dodici box del garage, si è sviluppato un incendio che ha avvolto suppellettili e masserizie varie di proprietà di M.I., di anni 50, vedova di un carabiniere, residente in una delle palazzine del complesso residenziale.

Sul posto sono intervenuti dapprima i vigili del fuoco del locale distaccamento e, subito dopo, i colleghi del comando provinciale di Ragusa che hanno cercato immediatamente di circoscrivere l’incendio che stava per propagarsi nei box vicini sebbene in quel momento non occupati vetture in sosta. I vigili del fuoco hanno subito tirato fuori uno scooter dal garage per impedire che le fiamme potessero fare esplodere il carburante di cui era dotato il motociclo e isolato il resto del parcheggio sotterraneo.

I pompieri volontari intanto procedevano a far evacuare le famiglie che abitavano le palazzine sovrastanti al garage sotterraneo dal quale continuava ad uscire un denso fumo. Dopo intensi trenta minuti, le fiamme che si sono sviluppate dal box sono state spente e dopo un’ora dall’inizio dell’incendio la zona è stata messa in sicurezza. I pompieri però hanno dichiarato inagibile sia l’intero garage sotterraneo che la piazzetta sovrastante in quanto, dopo una attenta verifica, le due strutture risultavano pericolanti. Le famiglie però, dopo che l’incendio era stato spento e dopo la messa in sicurezza della zona, sono state fatte rientrare nelle rispettive abitazioni.

Sul luogo dell’incendio sono intervenuti i carabinieri della locale caserma che hanno avviato gli accertamenti. Da indiscrezioni raccolte sul luogo pare che il rogo sia stato di natura dolosa, ma gli inquirenti che stanno procedendo con le indagini al momento non hanno fatto trapelare alcun esito degli accertamenti che sono ancora in corso e per i quali si potrà sapere qualcosa fra qualche giorno. Ancora una volta comunque c’è da registrare la positiva tempestività dell’intervento dei vigili del fuoco locali che, essendo di stanza nella cittadina, hanno potuto subito intervenire ed evitare che la situazione precipitasse.