Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 762
SANTA CROCE CAMERINA - 27/12/2010
Cronache - Santa Croce Camerina: tragedia scongiurata grazie all’intervento tempestivo dei pompieri

Casa a fuoco, famiglia evacuata. Salva anche una neonata

Le fiamme si erano sprigionate nella notte da una stufa a gas. Determinante l’allarme dei vicini Foto Corrierediragusa.it

Sfiorata la tragedia la notte di Santo Stefano in una piccola casa abitata da una famiglia di immigrati. Un incendio è divampato al primo piano dell’abitazione dove dormivano due giovani coniugi tunisini e la loro bambina di appena cinque mesi che solo grazie alla prontezza dei vicini di casa e alla perizia dei vigili del fuoco subito accorsi hanno evitato una fine orrenda.

Prima delle ore 23 infatti vicini di casa della famigliola nordafricana hanno notato del fumo e delle fiamme uscire dal primo piano dell’abitazione situata in via Balilla (foto), nel quartiere Fontana, a ridosso del centro storico della cittadina. I vicini hanno dato subito l’allarme non solo perché l’abitazione è accostata ad altre abitate ma perché si erano resi conto che all’interno c’erano delle persone che forse dormendo e non si stavano accorgendo del pericolo.

Sono stati allertati i vigili del fuoco di Ragusa che, a loro volta, hanno avvertito i loro colleghi del distaccamento di S.Croce subito giunti presso l’abitazione dalla quale si levavano già alte delle fiamme e del fumo denso. I volontari dei vigili del fuoco giunti sul luogo dell’incendio, riuscivano a montare rapidamente la scala italiana e a raggiungere il primo piano dell’appartamento, rompendo le finestre e arieggiando l’ambiente. I pompieri volontari hanno dapprima tratto in salvo la donna che nel frattempo si era destata per il trambusto e il rumore provocato dai soccorritori.

Intontita e presa dal panico la giovane tunisina indicava ai vigili del fuoco di salvare la figlia e il marito che dormivano nella camera da letto. Il coniuge infatti non si era ancora svegliato e solo la prontezza di riflessi dei volontari consentiva di destare l’uomo e trarre in salvo la bambina di cinque mesi della coppia.

L’incendio, è stato poi appurato dei vigili del fuoco, era stato causato da una stufa a gas che i due coniugi utilizzavano per riscaldare la camera da letto e che era stata lasciata accesa visto il freddo intenso di questi giorni. La stufa, probabilmente troppo vicina al letto, aveva innescato l’incendio della coperta e di alcuni stivali in gomma posti vicino al letto stesso, creando fumo e fiamme notate poi dai vicini di casa. Per fortuna i tre tratti in salvo non hanno dovuto fare ricorso a cure mediche.

La presenza dei vigili del fuoco proprio a S.Croce, di stanza nel distaccamento locale, ha permesso con tutta probabilità che tre vite umane fossero salvate da sicura morte. Il peggio infatti poteva forse accadere se invece la squadra fosse arrivata da Ragusa o da un altro centro della provincia. E’ stato infatti la tempestività dei soccorsi, hanno rilevato di vigili del fuoco, a evitare la tragedia.

GLI ALTRI INTERVENTI DEI VIGILI DEL FUOCO
La capacità operativa dei vigili del fuoco del distaccamento locale ha permesso anche nei giorni di Natale di mettere in sicurezza alcuni automobilisti rimasti coinvolti in diversi incidenti. Il primo di questi è avvenuto lungo la S.Croce-Scoglitti, dove un migrante e la sua famiglia è stato soccorso dai vigili del fuoco del locale distaccamento dopo un’uscita di strada avvenuta in modo autonoma.

Un secondo incidente, avvenuto lungo la sp 60 S.Croce-Malavita-Ragusa, tra una Peugeot 207, guidata da C.F., di 25 anni, di Ragusa e una vettura guidata da G.G., di 74 anni anch’egli di Ragusa, ha provocato un trauma cranico al giovane che è stato ricoverato al «Civile» del capoluogo ibleo. Mentre i vigili del fuoco intervenivano sul luogo di questo incidente a 200 metri di distanza, sulla stessa strada provinciale, un’auto con un padre e due bambini cappottava senza però conseguenze per gli occupanti. In tutti e tre i casi però il tempestivo intervento dei vigili del fuoco volontari locali ha permesso dei primi soccorsi alle persone e la messa in sicurezza degli stessi e delle vetture.