Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1386
SANTA CROCE CAMERINA - 10/09/2010
Cronache - Santa Croce Camerina: inizia la campagna agraria e torna l’incubo rapine per le aziende

Furto in aziende agricole tra Santa Croce e Scoglitti

Un furto è riuscito, bottino 4 mila euro, un altro è fallito grazie all’attivazione del sistema d’allarme

Inizia la nuova campagna agraria per le produzioni di primaticci in serra e ricomincia l’incubo furti per le aziende agricole. Un furto e un tentativo di furto sono stati perpetrati presso due magazzini specializzati nella vendita di mezzi tecnici per l’agricoltura. Il furto è stato compiuto nei giorni scorsi ai danni di un deposito per la vendita di casse in plastica per la commercializzazione di prodotti orticoli, situato lungo la provinciale per Scoglitti.

Ignoti durante la notte scorsa sono penetrati nel deposito, rompendo il lucchetto e il cancello d’ingresso e, impossessandosi di un furgone in dotazione al deposito, lo hanno caricato di casse per poi dileguarsi nella notte. Il furgone è stato ritrovato il giorno dopo a Vittoria, ma ovviamente delle casse non c’era nessuna traccia. Il valore della merce asportata si aggira sui 4 mila euro.

Poteva essere di valore più elevato il bottino che ignoti avevano intenzione di trafugare presso un altro magazzino di prodotti per l’agricoltura, anch’esso posto sulla provinciale S.Croce-Scoglitti, a circa un chilometro dall’inizio dell’arteria. I malviventi nel penetrare nel magazzino, aperto ancora da pochi mesi, hanno prima creato un varco nella rete di recinzione esterna e poi sono penetrati all’interno del capannone. Forse a causa di rumori esterni o per l’attivazione del sistema di allarme, gli ignoti malfattori hanno desistito dal loro intento criminoso e si sono dileguati, non riuscendo ad asportare alcun prodotto. Il danno causato alla rete di recinzione e al cancello d’ingresso si aggira però sui 500 euro.