Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 21 Novembre 2017 - Aggiornato alle 22:45 - Lettori online 445
SANTA CROCE CAMERINA - 23/09/2017
Cronache - Incidente presso un terreno di proprietà sulla S.Croce-Scoglitti

Falciato dalla motozappa, muore dissanguato

E’ un tunisino di 54 anni, Hamza Habib, che aveva deciso di diserbare un terreno davanti la sua abitazione Foto Corrierediragusa.it

Un tunisino di 54 anni, Hamza Habib, è morto nel primo pomeriggio di venerdì a seguito di un incidente causato da una motozappa che stava manovrando in un terreno vicino alla casa dove abitava. L’uomo poco dopo le 14, durante una pausa del lavoro che svolgeva in una azienda agricola poco distante dal luogo dove risiedvea, si dotava di un motozappa per eliminare dell’erba infestante che si trovava in un terreno prospiciente alla sua abitazione. Dopo qualche minuto dall’inizio delle operazioni di discerbimento, Hamza Habib toccava con il motozappa un tubo in plastica che emergeva dal terreno che gli faceva perdere l’equilibrio facendolo rovinare proprio sopra le zappette del mezzo meccanico. L’uomo non aveva scampo. I meccanismi del motozappa gli tranciavano in buona parte gli arti inferiori procurandogli delle ferite con forti emorragie che gli causavano in poco tempo il decesso.

Il tunisino non ha avuto nemmeno il tempo di chiedere soccorsi anche perché l’azienda, seppur quasi a ridosso della provinciale Santa Croce – Scoglitti, era abbastanza isolata e non c’erano altre persone al momento nelle vicinanze. La scoperta del cadavere di Hamza Habib è stata fatta poi dal fratello della vittima giunto poco tempo dopo quando appunto per il tunisino non c’era più niente da fare. Il corpo è stato trasportato presso l’obitorio del cimitero di Santa Croce Camerina a disposizione del pubblico ministero Francesco Riccio che cura le indagini e che ha disposto l’autopsia. L’uomo, che era molto conosciuto nella cittadina e fra la comunità tunisina, lascia la moglie e quattro figli che attualmente risiedono in Tunisia.