Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 814
ROMA - 02/02/2015
Cronache - Solo tanta paura per l’atterraggio d’emergenza a Ciampino ma nessun ferito

Aereo Roma-Comiso colpito da un fulmine

L’aereo è poi regolarmente atterrato alle 16 a Comiso, con quasi 4 ore di ritardo Foto Corrierediragusa.it

Un fulmine colpisce un aereo della Ryanair appena decollato da Roma Ciampino alla volta di Comiso mettendo fuori uso il motore di destra e costringendo il capitano ad un dietrofront immediato con atterraggio d’emergenza effettuato nel migliore dei modi, ma senza non poche difficoltà. Solo parecchia apprensione quindi ma nessun ferito tra i passeggeri del volo Ciampino – Comiso di ieri partito alle 11,30. Il fulmine ha colpito l’aereo dopo una decina di minuti dal decollo. A bordo tante persone del territorio ibleo che dovevano tornare a casa, tra cui la giovane cantante ragusana Chiara Provvidenza, consacrata da «Amici». Pure lei ha avuto tanta paura dopo il sordo rumore metallico e il bagliore accecante causati dal fulmine. Le luci si sono spente mentre l’aereo perdeva rapidamente quota creando comprensibile parapiglia a bordo. Poi l’annuncio del capitano sull’accaduto e sul rientro a Ciampino dettato dalla situazione che è sempre stata sotto controllo. Una volta a terra l’aereo della Ryanair è stato controllato da cima a fondo dai tecnici specializzati, che, dopo un paio d’ore, hanno fornito l’autorizzazione alla ripartenza.

Nonostante le rassicurazioni, però, circa una decina di passeggeri hanno preferito non salire di nuovo su quell’aereo, forse per una sorta di scaramantico presagio. Ad ogni modo l’aereo è poi regolarmente atterrato alle 16 a Comiso, con quasi 4 ore di ritardo a causa dell’imprevisto che avrebbe potuto causare conseguenze più nefaste. Per fortuna dunque tutto si è risolto nel migliore dei modi.