Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 790
RAGUSA - 22/07/2010
Cronache - Ragusa: i finanzieri hanno effettuato controlli a Marina

Lavoro sommerso ed evasione in una sala trattenimenti

23mila euro l’evasione scoperta dalle Fiamme gialle. In città è stato invece chiuso un negozio di cinesi

Lavoratori in nero ed evasione per circa 23mila euro in un´impresa di ristorazione di Marina di Ragusa. Le Fiamme Gialle di Ragusa, nel corso degli incessanti controlli per la repressione del fenomeno del lavoro nero, hanno scoperto nove lavoratori irregolari, di cui sette totalmente «in nero», impiegati in un impresa di ristorazione della frazione balneare.

La Guardia di Finanza, tenuto conto dell’aumento esponenziale del fenomeno del lavoro irregolare, che penalizza sia i lavoratori che gli imprenditori rispettosi delle norme in materia di lavoro dipendente, ha intensificato le ispezioni rafforzando il dispositivo di controllo attraverso continui accessi presso le imprese.

In una di queste ispezioni, oltre al rilevamento dei nove lavoratori irregolari, è stata altresì rilevata un’omissione di versamenti di ritenute per circa 9mila ed un’omissione di contributi Inps per più di 14mila euro.

I controlli della Guardia di Finanza continueranno in maniera sempre più incisiva, per vigilare sul corretto adempimento di tutte le norme a tutela dei lavoratori dipendenti e per riscontrare il corretto adempimento di tutti i versamenti, dovuti dai datori di lavoro, necessari per il corretto andamento del settore previdenziale ed assistenziale.

RAGUSA: CHIUSO NEGOZIO DI CINESI
L’attività della Guardia di Finanza, mirata al contrasto delle irregolarità relative all’emissione dello scontrino fiscale, ha portato alla chiusura di un negozio di abbigliamento.

Le Fiamme gialle hanno apposto i sigilli ad un esercizio commerciale operante nel centro storico di Ragusa superiore, eseguendo il provvedimento che prevende la chiusura per tre giorni consecutivi.

Il provvedimento è stato emesso dalla Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate di Palermo, a seguito di quattro distinte mancate emissioni dello scontrino fiscale negli ultimi cinque anni, accertate dai militari della Guardia di Finanza nel corso degli odierni controlli. Prevista per legge la chiusura dell’esercizio commerciale per un periodo da un minimo di tre giorni sino ad un massimo di un mese.

Dall’inizio dell’anno, la Guardia di Finanza di Ragusa ha eseguito, nei confronti di tutte le categorie economiche, circa 650 controlli tesi a verificare la regolare emissione dello scontrino e della ricevuta fiscale; di questi più della metà hanno dato luogo alla rilevazione di infrazioni.

Solo per le infrazioni rilevate nel mese di giugno scorso, sono già state proposte cinque chiusure di esercizi commerciali in virtù del raggiungimento della quarta mancata emissione.