Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 437
RAGUSA - 12/07/2010
Cronache - Ragusa: il giovane aveva appena 19 anni

Celebrati i funerali di Aquila, vittima dello scontro auto-quad

Una folla commossa alle esequie a Santa Croce Camerina Foto Corrierediragusa.it

Per sette giorni ha lottato per la vita. Alla fine si è dovuto arrendere. Diventa ancora più grave il bilancio dell´incidente verificatosi nella notte tra domenica e lunedì scorsi in via Salvatore Ottaviano a Marina. Domenica mattina, nel reparto di Rianimazione dell´ospedale Papardo di Messina, è morto Guglielmo Aquila (nella foto), 19 anni compiuti lo scorso 1 giugno.

Il ragazzo di Santa Croce Camerina non è riuscito a superare il bruttissimo trauma cranico e le gravissime ferite riportato nello scontro frontale tra il "quad" su cui si trovava e la Renault Megane che arrivava in senso opposto. Lunedì pomeriggio, una folla commossa di parenti ed amici ha preso parte ai funerali, nella chiesa madre di Santa Croce Camerina.

Guglielmo Aquila era colui che si trovava alla guida del "quad", che era di proprietà di un altro ragazzo di Santa Croce, che glielo aveva prestato per fare una puntata a Marina di Ragusa. Insieme ad Aquila, sulla moto a quattro ruote c´era un altro suo coetaneo, M.L., che si trova ancora ricoverato nel reparto di rianimazione del "Civile". Anche le sue condizioni sono gravi, ma i medici continuano ad essere fiduciosi sulla sua ripresa. Entrambi, da quanto hanno accertato gli agenti della Polizia municipale, erano privi di casco nel momento in cui si è verificato l´incidente.

A rendere difficile la ricostruzione dell´incidente il fatto che, dopo lo scontro, il "quad" si è incendiato. Sull´asfalto, quando sono state spente le fiamme, è rimasto solo un groviglio di lamiere e plastica fusa. Impossibile tirar fuori qualche elemento utile da quell´ammasso informe. Per questa ragione, la Polizia municipale non ha ancora reso note, a distanza di una settimana dall´incidente, la ricostruzione dell´incidente. Proprio a causa di quell´incendio, sono state danneggiate altre due auto che erano regolarmente in sosta lungo via Ottaviano: un fuoristrada Toyota Sr5 e una Citroën C3.

Fonte: Antonio Ingallina - Gazzetta del Sud