Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 252
RAGUSA - 29/06/2010
Cronache - Ragusa: per il mancato utilizzo di preservativi e lo scambio di siringhe usate

Ragusa: accertati 4 casi di Aids negli ultimi 30 giorni

I contagi sarebbero in ambito locale. I medici raccomanano la massima cautela per non sottovalutare il rischio

Quattro casi di Aids a Ragusa sarebbero stati accertati negli ultimi 30 giorni, ad una impressionante media di un caso alla settimana. Nel 2009 lo stesso numero di casi si registrò in provincia nell´arco dei 365 giorni. I contagi si sarebbero verificati a livello locale, nell’ambito di uno più focolai, e avrebbero interessato persone di nazionalità italiana residenti nel comune capoluogo. Si tratterebbe di soggetti giovani e giovanissimi.

La malattia non sarebbe stata quindi «trasferita» in provincia da uno o più portatori sani, o persone contagiate, reduci magari da un viaggio all’estero. I contagi si sarebbero quindi registrati in ambito locale, a causa di rapporti non protetti, forse anche con una o più prostitute che continuano ad esercitare a Ragusa, magari non consapevoli di essere sieropositive. I clienti delle prostitute, senza sapere d´essere stati contagiati, avrebbero poi trasmesso a loro volta il virus ad altri partner ignari.

Oltre all’attività sessuale praticata senza l’utilizzo del preservativo con persone quasi sconosciute o con donne di vita, resta sotto accusa anche lo scambio di siringhe usate tra tossicodipendenti per «farsi». L’utilizzo della droga da iniettarsi nelle vene costituisce senza dubbio un altro dei veicoli maggiori di trasmissibilità del virus, assieme ai rapporti sessuali non protetti consumati tra persone di cui, magari, non si conoscono le abitudini sessuali.

L’utilizzo dei condom pare sia drasticamente diminuito in provincia soprattutto a causa del costo ancora alto, nonostante la crisi. Anche questa circostanza favorisce il sorgere di casi di Aids, che, se non accertati per tempo, possono portare a gravi conseguenze per sé e per gli altri. I medici raccomandano dunque sempre l’utilizzo dei preservativi nei rapporti sessuali.