Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:46 - Lettori online 684
RAGUSA - 30/05/2010
Cronache - Ragusa: le manette sono scattate per Giovanni Caggia e Marco Ferma

Autori di risse a Santa Croce e Marina di Ragusa, 2 arresti

Gli arresti sono stati effettuati dagli agenti della Polizia Stradale Foto Corrierediragusa.it

Dopo aver dato luogo a notte fonda ad una rissa in un locale di Santa Croce Camerina, se le stavano dando di santa ragione a Marina di Ragusa all’alba. Per il reato di rissa aggravata si sono spalancate le porte del carcere per i vittoriesi Giovanni Caggia e Marco Ferma (da dx nella foto), di 23 e 27 anni. Sono stati gli agenti della Polstrada, in servizio di controllo del territorio su direttive del dirigente commissario capo Gaetano Di Mauro, a far scattare le manette.

I controlli s’inquadrano nella prevenzione delle cosiddette stragi del sabato sera, al fine di scongiurare incidenti stradali mortali, o comunque gravi, dovuti all’abuso di alcol o alla guida spericolata in modo particolar nelle località balneari. Alla rissa, scoppiata in un’area di servizio di Marina di Ragusa nelle prime ore della mattinata di ieri, dopo una notte «brava», avevano preso parte quattro persone. Due dei rissosi sono stati denunciati a piede libero in quanto incensurati.

Caggia e Ferma, per i quali sono scattate le manette, risultavano invece già noti agli archivi per reati specifici. Il quartetto ha riportato lesioni giudicate guaribili in una ventina di giorni dai sanitari. Gli arrestati sono stati riconosciuti peraltro come i responsabili di un’altra rissa scoppiata poco prima in un locale di Santa Croce Camerina. Sono stati due ragazzi che si stavano facendo medicare le ferite dai medici a riconoscere in Caggia e Ferma i loro aggressori nel pub di Santa Croce. Ferma è stato anche denunciato per guida in stato di ebbrezza, uso di sostanze stupefacenti e false dichiarazioni, avendo mentito agli agenti sulle sue reali generalità.