Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 706
RAGUSA - 06/03/2010
Cronache - Ragusa: controllati i negozi degli orientali. Un cinese denunciato

Giocattoli con dispositivi laser pericolosi sequestrati

La merce non era contrassegnata dal marchio Ce in materia di sicurezza Foto Corrierediragusa.it

Non comprate giocattoli dai cinesi. In certi casi, potreste pentirvene. La consapevolezza emerge dai sequestri di giocattoli pericolosi sequestrati dalla squadra mobile in alcuni esercizi commerciali gestiti da cinesi. Uno di loro è stato denunciato.

Oggetto dell’attenzione degli agenti, nell’ambito dei servizi di controlli, i famosi giocattoli con i puntatori laser (spade alla "Guerre stellari" etc), che tanto hanno fatto discutere negli ultimi mesi per la pericolosità di questi aggeggi, soprattutto in fase di decollo o atterraggio degli aerei, nuocendo alla vista dei piloti per via di persone stupide che non si rendono conto dei danni che possono causare al prossimo. Stesso discorso nei campi di calcio, dove i giocatori sono stati spesso disturbati nelle loro azioni da raggi laser provenienti dagli spalti.

Anche a Modica, qualche settimana fa, un gruppo di ragazzotti si era posizionato su un cavalcavia per puntare il laser agli automobilisti di passaggio, potendo causare anche incidenti gravi In quel caso intervennero due guardie giurate e i carabinieri, ma i giovani se la cavarono solo con una segnalazione.

Alla luce di tutto questo, s’intuisce la valenza del sequestro operato dagli agenti della squadra mobile, che ha ritirato dal mercato 3 puntatori laser e 7 giocattoli dotati dello stesso dispositivo, capace di causare danni seri, e in certi casi anche permanenti, alla vista. Figuriamoci de una simile disavventura accadesse ai bambini. I genitori sono avvisati: cercate sempre il marchio Ce (conformità ai dettami previsti dalla Comunità europea). E’ ovvio che la merce sequestrata dai poliziotti ne era priva.