Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 880
RAGUSA - 15/02/2010
Cronache - Pozzallo: controlli della Fiamme gialle nella cittadina marinara e a Ispica

Minorenni fumatori incalliti, giro di vite della Finanza

Scoperti cinque tabaccai non a norma con le restrizioni relative ai distributori automatici

Minorenni compravano le sigarette in piena libertà e senza controlli. Questo quanto accadeva a Pozzallo ed Ispica fino a qualche giorno fa. Chiunque, anche ragazzini di 10 anni inserivano i soldi negli appositi distributori automatici e senza l’obbligo d’introdurre la tessera sanitaria, cosi’ come previsto dal decreto dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, si intascavano le sigarette. A denunciare il tutto alla Guardia di Finanza sono stati proprio i genitori dei ragazzini.

Sulla base delle varie e numerose denunce gli uomini del Nucleo Mobile della Tenenza di Pozzallo hanno percorso in lungo ed in largo la circoscrizione di competenza simulando l’acquisto di un pacchetto di sigarette presso ogni distributore automatico presente.

In particolare i finanzieri hanno verificato, presso ciascun apparecchio, se i distributori consentissero o meno l’erogazione delle sigarette introducendo solo il denaro, senza il previsto riscontro anagrafico del consumatore. Al termine delle indagini sono stati riscontrate irregolarità in 5 distributori che, con la sola introduzione di denaro, consentivano l’acquisto delle sigarette a tutti, quindi anche ai minorenni. In relazione a quanto scoperto le Fiamme Gialle hanno proceduto alla contestazione delle violazioni nei confronti dei titolari dei rivenditori.

Inoltre, in tutti e 5 i casi di tabaccai non a norma i finanzieri hanno inibito l’uso dei distributori automatici. Ma per le rivendite di tabacchi i rischi potrebbero essere anche superiori dato che adesso spetta all’Amministrazione dei Monopoli di Stato la decisione di revocare la gestione della rivendita e quindi far chiudere i tabaccai in questione.