Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1374
RAGUSA - 11/02/2010
Cronache - Ragusa: operazione "on-line" della Guardia di Finanza

Ragusano vende su E-bay, evade Iva e Irpef. Denunciato

In 4 anni, dal 2005 al 2009, era riuscito a vendere circa 23 mila oggetti da collezionismo Foto Corrierediragusa.it

Ragusano con la passione per internet e per il commercio on-line ma con il deviato senso degli affari, effettuava da anni vendite attraverso il famoso sito di aste e-bay. In 4 anni, dal 2005 al 2009, era riuscito a vendere circa 23 mila oggetti da collezionismo ma senza dichiarare l’Irpef e l’iva.

L’uomo di 40 anni, residente a Ragusa è stato scoperto dalla Guardia di Finanza diretta dal comandante provinciale Francesco Fallica, che, in sinergia con il famoso portale e-commerce, ha riscontrato nei confronti del venditore un’evasione di 380 mila euro. Una cifra piu’ che consistente divisa in 280 mila euro per il mancato pagamento dell’irpef e 100 mila euro per l’iva.

In sostanza il ragusano nonostante la frequenza delle inserzioni immesse sui portale di e-commerce ed il numero di aste andate a buon fine, non ha mai adempiuto alcun obbligo fiscale esercitando, a tutti gli effetti, una vera e propria attività commerciale, in nero.

Il suo ottimo fiuto per gli affari gli ha permesso di incassare centinaia di migliaia di euro in pochi anni ma il distorto senso della legalità lo ha fatto terminare nella rete della Guardia di Finanza che ha provveduto alla denuncia.

I controlli delle Fiamme Gialle continueranno in maniera sempre più incisiva nel settore del e-commerce, sia per la tutela del corretto svolgimento del regole del mercato, nei confronti delle aziende che operano nella legalità e pagano le tasse, sia per la tutela dei consumatori che potrebbero essere oggetto di truffe nella pratica sempre piu’ diffusa degli acquisti on-line.