Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 940
RAGUSA - 09/02/2010
Cronache - Ragusa: il titolare usufruiva illecitamente di agevolazioni regionali

Sala trattenimenti di Ragusa, evasione milionaria

Il ristorante non aveva i requisiti soggettivi per poter beneficiare delle esenzioni
Foto CorrierediRagusa.it

Un noto e prestigioso ristorante di Ragusa usufruiva illecitamente di agevolazioni regionali che, nella realtà dei fatti, non gli sarebbero mai spettate. Il ristorante non aveva i requisiti soggettivi per poter usufruire di tale aiuto regionale in quanto ha iniziato l’attività in un arco temporale non interessato dall’agevolazione ovvero dopo il 2001.

Questo è quanto hanno scoperto gli uomini della Guardia di Finanza di Ragusa, diretti dal comandante provinciale Francesco Fallica (nella foto) che, dopo aver spulciato vari documenti, si sono accorti di un evasione di circa un milione 600mila euro che la sala trattenimenti non aveva mai dichiarato ai fini dell’Irap.

Si è trattato di uno dei numerosi controlli mirati nei confronti di soggetti che hanno usufruito di incentivi fiscali; nel caso specifico di un contribuente che ha usufruito, indebitamente, dell’esenzione dell’imposta regionale sulle attività produttive, in base alla Legge Regionale 21/2003. Tale norma, che disciplina gli incentivi alle imprese operanti in Sicilia, prevede una serie di esenzioni dall’imposta regionale sulle attività produttive.

Nello specifico tale agevolazione, finalizzata a favorire le imprese che abbiano stabilito in Sicilia la sede legale, gli uffici amministrativi e le unità operative, consiste in una considerevole esenzione dall’IRAP per cinque periodi d’imposta.

Il ristorante in questione, è stato scoperto, non aveva i requisiti necessari per accedere all’agevolazione, inoltre sono state rilevate altre violazioni tributarie ed è stata accertata la presenza di tre lavoratori irregolari. Le indagini della Guardia di Finanza continuano per verificare la presenza di altre strutture ricettive nelle medesime situazioni.