Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 539
RAGUSA - 15/01/2010
Cronache - Il maltempo delle ultime ore ha creato parecchi disagi

Da Modica a Vittoria, un´intera provincia "sott´acqua"

Il presidio della protezione civile sarà mantenuto in caso di emergenze e segnalazioni

Viabilità al collasso, allagamenti e qualche crollo di cornicioni. Sono queste le conseguenze del maltempo nel territorio comunale. I vigili del fuoco del distaccamento di Modica, la struttura della protezione civile comunale,gli operai della Multiservizi, i vigili urbani hanno lavorato a pieno ritmo per tutta la giornata. Il presidio della protezione civile sarà mantenuto in caso di emergenze e segnalazioni. I disagi più diffusi sono stati quelli sofferti dagli automobilisti con strade allagate; a Beneventano la polizia stradale ha segnalato l’allagamento in alcuni punti e la protezione civile è intervenuta con i propri mezzi.

A Frigintini, nella zona di S. Silvestro e di Gianforma, l’acqua si è raccolta in abbondanza in alcuni punti critici già da tempo segnalati che hanno costretto un paio di automobilisti a chiedere soccorso per uscire dalle proprie automobili. Nella zona del S. Cuore ed in via Fosso Tantillo in particolare sono caduti un paio di cornicioni ed i vigili del fuoco hanno dovuto transennare la zona. Le squadre sono intervenute soprattutto per liberare alcuni scantinati come quello dell’ufficio del registro sul viale Pertini al polo commerciale ma anche numerose abitazioni al quartiere S. Cuore hanno avuto bisogno dell’intervento delle idrovore.

Nel centro storico i disagi sono stati più limitati ma le strade sono state praticamente intransitabili per i pedoni visto che la maggior parte dei tombini si sono otturati e l’acqua ha invaso i marciapiedi. In via S. Benedetto numerosi residenti sono rimasti bloccati in casa così come in corso S. Giorgio e nella zona di S. Giuseppe dove l’acqua proveniente da Modica Alta è arrivata con notevole velocità e quantità rendendo di conseguenza dificile la circolazione in corso Garibaldi. Da parte sua la Coldiretti non ha ricevuto particolare segnalazioni di danni nell’altopiano ma le situazioni più delicate sono lungo la fascia costiera dove l’acqua ha allagato i campi e si teme dunque per foraggi e cereali.

IL MALTEMPO NELL´IPPARINO
di Giuseppe Croce


Nei comuni ipparini la forte pioggia caduta incessantemente nelle ultime ore inizia a creare i primi disagi. Numerose, come ormai è frequente appena piove, le strade di Vittoria che riescono a stento a far defluire l’acqua. Le situazioni più difficili in via dell’euro, sullo stradale di Arcerito e nel Quartiere Forcone dove già in mattinata gli uffici comunali hanno portato le pompe idrovore tra via Marangio e via Parri.

Nel frattempo l’assessore alla protezione civile La Terra e quello alle manutenzioni Cavallo hanno attivato le procedure di rito, specialmente in seguito all’allerta meteo diramato dalla Prefettura. Uomini e mezzi della protezione civile, della polizia municipale e dell’ufficio manutenzioni stanno intervenendo in queste ore per risolvere vari problemi verificatisi a macchia di leopardo in varie zone della città.

A Comiso, invece, la situazione è più tranquilla e non si registrano grossi disagi a parte le solite buche sul manto stradale che, quando piove, crescono a dismisura. A Santa Croce, invece, ad essere colpite sono state soprattutto le strade provinciali di collegamento con gli altri comuni.

Il particolare la Sp 20 Santa Croce-Comiso. In diversi punti, particolarmente bassi rispetto ai campi circostanti, si sono verificati già questa mattina allagamenti della sede stradale e riversamenti di fango. Stessa situazione, ma più grave e più estesa, si registra lungo la strada tra Santa Croce e Punta Secca. Il consiglio delle autorità, come sempre, è quello di moderare il più possibile la velocità di percorrenza in auto e di evitare i sorpassi nelle zone più battute dalla pioggia.