Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1023
RAGUSA - 01/01/2010
Cronache - Ragusa: in manette tre giovani vittoriesi

Topi d´appartamento di Capodanno in azione a Ragusa

Sono stati gli stessi residenti a telefonare al 113 dopo aver notato la presenza sospetta dei tre ladri in via Mariannina Schininà e corso Vittorio Veneto
Foto CorrierediRagusa.it

Topi d’appartamento in azione a Capodanno. Il terzetto, composto da tre vittoriesi già noti per reati specifici, è stato però scoperto ed arrestato dalla sezione volanti diretta dal commissario capo Marzia Giustolisi, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio predisposti dal questore Giuseppe Oddo e potenziati proprio in occasione delle festività.

Le manette sono scattate per Paolo Scafidi, Giovanni Caggia e Giuseppe Nigito, rispettivamente di 28, 23 e 22 anni (da sx nella foto). I tre, approfittando dell’assenza dalle abitazioni dei proprietari intenti a festeggiare nei locali l’arrivo del 2010, avevano pensato di alleggerirle di denaro e oggetti di valore.

Il terzetto aveva preso di mira le case di via Mariannina Schininà e corso Vittorio Veneto. Ma la loro presenza non è passata inosservata. I residenti che stavano festeggiando in casa, si sono accorti della presenza sospetta del terzetto e hanno telefonato subito al 113, nell’ottica della collaborazione tra cittadini e polizia che ha consentito agli investigatori di conseguire ottimi risultati nel 2009.

Due volanti hanno subito raggiunto la zona delle segnalazioni, individuando in pochi minuti i tre ladri, che, alla vista degli agenti, avevano tentato di darsi alla fuga, dopo essere riusciti a forzare il portone d’ingresso di un’abitazione. Dopo un breve inseguimento a piedi, i poliziotti sono riusciti a bloccare ed ammanettare i tre vittoriesi.

Dalle indagini è emerso che il terzetto di ladri aveva progettato di «visitare», oltre alla casa di cui avevano appena forzato il portone, almeno altre due abitazioni, dopo essersi accertati dell’assenza dei proprietari. Ma le telefonate dei residenti al 113 e il tempestivo intervento delle volanti ha mandato all’aria i piani dei ladri di Capodanno, finiti dritti nel carcere di Ragusa.

Il «modus operandi» del terzetto era semplice e collaudato: due ladri si appostavano nei pressi dell’abitazione da svaligiare, facendo da palo, mentre il terzo suonava il campanello dell’abitazione per appurare se a casa c’era qualcuno. Nel momento in cui accertavano che l’abitazione era sgombera, il ladro che aveva suonato estraeva un grosso cacciavite per forzare il portone d’ingresso.

Il questore Oddo, soddisfatto per gli ottimi risultati ottenuti già in queste prime ore del 2010, rassicura la cittadinanza che non «verrà abbassata la guardia». I servizi straordinari di controllo del territorio, che sono stati attuati puntualmente in tutto il periodo festivo, continueranno in modo incessante almeno fino all’Epifania, che, come noto, tutte le feste si porta via.