Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1184
RAGUSA - 17/12/2009
Cronache - Ragusa: operazione della Guardia di finanza

Scommettiamo che... ti rovini? Stop scommesse clandestine

Controlli su Modica, Scicli e Pozzallo, anche in conseguenza dell’aumento delle segnalazioni di familiari di persone finite sul lastrico a causa di scommesse su eventi sportivi e non

Niente giochi d’azzardo in provincia di Ragusa. Un avvertimento che la guardia di finanza vuole lanciare a ridosso delle festività natalizie e per il quale ha messo in atto una serie di interventi finalizzati al contrasto del gioco d’azzardo e delle scommesse clandestine.

Controlli su Modica, Scicli e Pozzallo, anche in conseguenza dell’aumento delle segnalazioni di familiari di persone finite sul lastrico a causa di scommesse su eventi sportivi e non. Giocatori in alcuni casi affetti pertanto da quella che viene definita dagli esperti ‘ludopatia’, che si ha quando il gioco diventa patologia, ossessione».

Il fenomeno delle scommesse clandestine via telematica da tempo sta conoscendo un costante aumento delle giocate tanto da essere ormai gestito da vere e proprie organizzazioni criminali.

Dopo una attenta e capillare attività di monitoraggio del fenomeno, sono stati individuati diversi centri di raccolta scommesse su quasi tutti gli eventi sportivi italiani e stranieri che, celandosi dietro l’apparente attività di servizi internet, effettuavano abusivamente la raccolta di scommesse.

Un attività, quella delle scommesse clandestine che quasi sempre si svolge fuori dagli orari di apertura e che costringe i gestori delle sale a trasferire con frequenza le sedi dell’attività proprio per sfuggire ai controlli. Tentativi inutili dato che La Guardia di Finanza ha sequestrato negli ultimi due mesi 6 locali utilizzati per la raccolta scommesse, ed in piu’ 35 computer, stampanti, fax ed anche modem, per un valore commerciale di circa 300 mila euro. I titolari dei centri di raccolta abusiva scommesse sono stati denunciati a piede libero.

Ma un altro dato allarmante arriva proprio dal numero di utenti che frequentano i centri di scommesse clandestine. Si parla di circa 10 mila persone a settimana per un giro d’affari di circa 300 mila euro sempre a settimana.

Senza considerare che proprio in questi periodi di festa le cifre si raddoppiano. Un mercato in crescita a causa degli utenti che ne fanno richiesta. Utenti che purtroppo nel giro di poco tempo si ritrovano con il proprio conto evaporato.