Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 640
RAGUSA - 12/12/2009
Cronache - Ragusa: i ragazzi avevano marinato la scuola apposta per drogarsi

Segnalati 12 minori per droga. Fenomeno preoccupante

Gli agenti hanno in totale sequestrato 30 grammi di hashish, 4 grammi di cocaina e 10 spinelli
Foto CorrierediRagusa.it

Diventa sempre più diffuso il consumo di droghe, anche di quelle pesanti, tra i giovanissimi. E’ l’inquietante dato che viene fuori dai controlli effettuati dalla Squadra mobile di Ragusa.

Dodici ragazzi, tutti minorenni, sono stati sorpresi dalla Polizia a fare uso di sostanze stupefacenti a pochi passi da scuola, che i giovani avevano marinato apposta per drogarsi. Gli agenti hanno in totale sequestrato 30 grammi di hashish, 4 grammi di cocaina e 10 spinelli. I poliziotti hanno accertato che i dodici minorenni non erano entrati in classe con il preciso intento di appartarsi in una piazzetta vicina agli istituti scolastici, per poter fare uso delle droghe di cui sono stati trovati in possesso.

Identica situazione è stata accertata dagli agenti nei pressi di una villetta pubblica attigua ad una sala giochi. In questa zona è stato individuato e bloccato un gruppo di giovani, in pieno pomeriggio, trovato in possesso di sostanze stupefacenti. Non si capisce come facciano i ragazzi, addirittura minorenni, a reperire con tanta facilità la droga. La Squadra mobile, coordinata dal dirigente Francesco Marino (da sx nella foto con il questore Giuseppe Oddo), sta indagano per scoprire le fonti di approvvigionamento dei ragazzi.

Quasi certamente si tratta di piccoli spacciatori che fanno capo a grossi fornitori, con buona probabilità operanti fuori provincia, con particolare riferimento al Catanese. Ulteriori novità potrebbero emergere dalle indagini in corso. Nel frattempo gioverebbe un controllo più stretto dei genitori sui propri figli. E’ sempre meglio leder un po’ di privacy che ritrovarsi con un figlio che rischi di diventare un tossicodipendente.