Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1272
RAGUSA - 24/10/2009
Cronache - Ragusa: con la marijuana sequestrata potevano essere confezionati 20mila spinelli

Venti chili di cannabis in serra. Manette per un incensurato

L’impianto serricolo era ubicato in contrada Piombo

Proprietario di una serra in contrada Piombo, tra Ragusa e Vittoria, e coltivatore di una rigogliosa e avviata piantagione di cannabis indica. La polizia ne ha sequestrata una grossa quantità, per complessivi 20 chili. Un’autentica centrale della droga.

Le manette sono scattate per Giovanni Messinese, 55 anni, incensurato di Vittoria. L’uomo, proprietario della serra e del terreno dov’era ubicata, non ha saputo fornire spiegazioni plausibili ai poliziotti sulla sua attività illegale di coltivazione di droga. Gli inquirenti ipotizzano che la cannabis fosse già stata spacciata da tempo tra gli assuntori non solo della provincia di Ragusa, ma anche di quelle limitrofe.

L’operazione che ha portato all’arresto di Giovanni Messinese è stata condotta dalla Squadra mobile di Ragusa, in collaborazione con i commissariati di Comiso e Niscemi. L’impianto in serra si estendeva su circa mille metri quadrati di terreno. La serra era accuratamente irrigata da Messinese, e difatti la marijuana cresceva rigogliosa, come testimoniato dall’ingente quantità di droga sequestrata dai poliziotti, dalla quale potevano essere confezionati oltre 20mila spinelli. Giovanni Messinese è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa.

Soddisfazione per il buon risultato dell´operazione è stata espressa dal questore di Ragusa Giuseppe Oddo, dal dirigente della Squadra mobile Francesco Marino e dal dirigente del commissariato di Comiso Rosario Amarù.

(Nella foto sotto l´arrestato Giovanni Messinese)

Giovanni Messinese