Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1291
RAGUSA - 11/11/2009
Cronache - Ragusa: epilogo per l’operazione "Roller cash" compiuta dalla Squadra mobile

Arrestato il quinto presunto rapinatore di banca

Le manette sono adesso scattate per un 18enne catanese incensurato. Qualche settimana fa erano stati arrestati Orazio Gianluca Mileti, Giovanni Trovato, Andrea Ensabella e Damiano Longo
Foto CorrierediRagusa.it

E’ stato arrestato dalla Polizia anche il quinto e ultimo componente delle banda che aveva rapinato banche a ripetizione in provincia di Ragusa. Le manette sono scattate per il 18enne D.S.L., catanese, incensurato, minorenne all’epoca dei crimini commessi. I rapinatori agivano con mossa fulminea a con movimenti sincronizzati, utilizzando solo un taglierino per minacciare gli impiegati e farsi consegnare il contante.

La cosiddetta «banda del roller cash» aveva compiuto otto rapine in appena tre mesi, racimolando un sostanzioso bottino di oltre 90mila euro. Una piccola fortuna accumulata grazie ai quattro colpi effettuati a Comiso, alla rapina compiuta a Ragusa e alle ultime tre nel Siracusano. I piccoli rapinatori arrivavano a portare a segno anche due rapine nello stesso giorno, specializzandosi nel prendere di mira istituti di credito con le casseforti dal meccanismo di apertura a tempo. I malviventi, di età compresa tra i 19 e i 20 anni, avevano il loro quartier generale nel Catanese.

Le manette erano già scattate per Orazio Gianluca Mileti, Giovanni Trovato, Andrea Ensabella e Damiano Longo. Due di loro erano già stati arrestati per una rapina compiuta a Comiso. Il lavoro degli investigatori era stato reso difficoltoso dal fatto che i cinque rapinatori non avevano precedenti. Ma la Squadra mobile coordinata dal dirigente Francesco Marino ha concluso le indagini in tempi record, come ha tenuto a sottolineare anche il questore Giuseppe Oddo.